Piano di accumulo nel settore immobiliare: contrastare i tassi negativi con i REIT (9° puntata)

Villa, Estate, House, Luxury

Aggiornamento consueto del mio piano di accumulo nel settore immobiliare.

Spiegata la volta scorsa la differenza tra equity e lending crowdfunding condivido con voi come sta andando la mia idea di costruire una progressiva (e per ora piccolissima) rendita grazie ad investimenti molto diversificati  collegati al mercato immobiliare.

Vediamo allora cosa ho fatto da maggio a oggi anche perchè sono intervenuto con acquisti sia sulla piattaforma di Housers, per rinforzare partecipazioni già esistenti e che finora non hanno mai mancato un pagamento di interessi, sia comprando sul mercato nuove quote di un ETF che investe su REIT ed azioni immobiliari europee.

Leggi anche: Piano di Accumulo nel settore immobiliare con ETF e Crowdfunding Housers (6° puntata) Continua a leggere

Annunci

Pagare per perdere soldi (la vera storia dei fondi obbligazionari di oggi)

Post non molto lungo quello di oggi ma che credo possa servire come spunto di riflessione a chi ancora oggi sta pagando fior di quattrini per investire i propri soldi in strumenti che non offriranno rendimenti in modo matematicamente certo nei prossimi 5-10 anni.

Come investire i propri soldi in questo momento di mercato non è semplice soprattutto per chi ha una propensione al rischio bassa.

La BCE riaprirà il QE forse tagliando ancora i tassi in un contesto che si fa sempre più delicato con un’inflazione attesa in Europa che non supera lo 0,5%, in Italia come in Germania.

Non sto a ripetermi sull’importanza del controllo dei costi su ogni tipo di investimento ma su quelli obbligazionari ancora di più.

Leggi anche: Quando il Controllo dei Costi supera l’Asset Allocation Continua a leggere

Battere i tassi negativi si può, chiedere di Mr. Dividendo

dividendo di buon senso

L’indice Msci World è replicabile tranquillamente con un semplice ETF. Questo strumento che può essere acquistato in Borsa permette a qualsiasi investitore, dal più basico al più complesso, di investire sull’azionario mondiale in modo efficiente e diversificato.

Le numerose azioni presenti all’interno dell’indice (oltre 1600)  in buona parte staccano ogni anno dei dividendi che vanno a gonfiare giorno dopo giorno il valore dell’indice, ovviamente al netto delle oscillazioni di mercato.

Il dividendo è un elemento spesso snobbato dall’investitore in quanto si perde nei movimenti continui di un indice di borsa. In realtà come abbiamo visto in questo post, il dividendo è uno dei fattori portanti della definizione di rendimento atteso di lungo periodo all’interno di un investimento azionario.

Leggi anche: La teoria del negozio di ombrelli e l’equazione di Gordon Continua a leggere

Volete sapere qual’investimento più sicuro, redditizio e low cost che potete fare? Eccolo…

Text, Type, Font, Typography

Non è un mistero che i rendimenti offerti oggi da investimenti a basso livello di rischio come obbligazioni di alta qualità o depositi bancari sono praticamente nulli.

Certo si può andare su un BTP italiano piuttosto che su un conto deposito, ma ogni prodotto obbligazionario che ha un rendimento a scadenza superiore a zero in questo particolare momento storico ha una dose di rischio, più o meno elevata.

Esistono però altri metodi alternativi per ottenere rendimenti più alti non rischiando nulla?

La risposta è sì ed è molto più semplice di quello che si pensa e non richiede nemmeno l’assistenza di un consulente finanziario.

Leggi anche: I Migliori Consulenti Finanziari del Vostro Risparmio Continua a leggere

Perchà l’alfa su una gestione attiva è una perla rara

Play, Poker, Cube, Gambling, Casino

Abbiamo scritto diverse volte su queste pagine che investire è un gioco a somma zero, anzi meno di zero per effetto dei costi, in cui c’è una controparte che vince una scommessa ed un’altra parte che la perde.

Questo fattore ha rappresentato una costante del passato e lo sarà anche in futuro, ma il problema è che numerosi studi stanno dimostrando come la capacità di essere dalla parte vincente per meriti propri (il cosiddetto alfa che dovrebbe essere in grado di generare un gestore) è un fenomeno ormai estinto.

Una sorta di lento e inesorabile scioglimento dei ghiacciai per stare in tema di surriscaldamento globale.

Una delle ragioni che si è dato per questo fenomeno il professor Robert Stambaugh è la sempre minore partecipazione dei cittadini privati all’attività di possesso individuale di azioni. Si fanno meno scommesse  e si preferisce replicare un indice. Continua a leggere

Il gioco delle illusioni

finanza e illusione

Prendete un mondo di tassi negativi con tanto, ma tanto risparmio desideroso di investire ed accrescere il proprio valore. Prendete un mercato di ETF in crescita esponenziale che offre di tutto e di più. Infine prendete una cultura finanziaria non elevatissima che si combina a tutto quello che vi ho detto prima.

Il risultato sarà un cocktail di denaro che finirà su strumenti di investimento che promettono tanto, ma dopo i classici conti della serva, manterranno veramente poco.

Naturalmente la lista di questi prodotti dall’alto rendimento è lunga e nonostante il mercato ci sta dicendo che per essere sicuri di non perdere capitale… bisogna perderlo (scusate il gioco di parole), i risparmiatori non accettano questa realtà ed invece di abbassare le attese di rendimento del portafoglio investito preferiscono cercare le scorciatoie. Continua a leggere

L’asset allocation di ArcheoWealth (Secondo trimestre 2019)

Terminato il trimestre spazio al consueto aggiornamento trimestrale del portafoglio di ArcheoWealth partito ad inizio 2015 con una dotazione fissa di 50 mila Euro.

Come avevo previsto il corposo progresso accumulato nel primo trimestre dell’anno (+8.4%) si è progressivamente consolidato nel corso del secondo trimestre con dei continui sali e scendi che portano il bilancio da inizio anno  a +10,2%. Quasi 1000 Euro in più di valore nel secondo trimestre con un montante di  61.375 Eur.

La performance complessiva sale anch’essa oltre il 22%, per un rendimento annuo composto del 4.5%, in linea con il mio target ideale nominale di 4-5%. Ricordo che il controvalore attuale è già al netto dei costi degli ETF (0,23% il valore medio delle spese correnti del portafoglio) ma al lordo di fiscalità ed inflazione.

Leggi anche: Come capire quanto costa un ETF

Ma chi ha generato questa eccellente performance nel 2019? Continua a leggere