Risparmiate fin da subito e con buon senso conviene!

Update articolo agosto 2021

The Importance of Opening a Savings Account

All’inizio del 2014 è stato pubblicato il rapporto di Schroders “Global Investment Trends Report 2014” ed ancora una volta è emersa la difficoltà dell’investitore italiano nel comprendere quanto è necessario dirottare parte dei propri risparmi verso finalità pensionistiche.

Mentre il 46% degli intervistati a livello globale ritiene questa una priorità, in Italia la percentuale scende al 29% (Germania, Svizzera e Gran Bretagna sono vicini al 60%).

La restante quota di risparmio viene accantonata per il mantenimento del proprio stile di vita in caso di perdita di lavoro (33%) oppure per far fronte ad emergenze (29%).

Potremmo prendere come incoraggiante un 29% che risparmia per la pensione, ma poi quando si legge che solo il 15% degli intervistati programma l’investimento con orizzonte temporale oltre i 5 anni (l’1% oltre i 10!), allora non ci siamo proprio.

 

schroders

D’accordo, la crisi economica ed anche l’aumento della tassazione possono avere la loro importanza, ma visto che l’età avanza per tutti senza sconti, arriverà un momento in cui la realtà ci sbatterà duramente in faccio l’esito delle nostre politiche di risparmio.

A quel punto tasse o non tasse, crisi o non crisi, si faranno i conti della serva. Il capitale accantonato (aumentato si spera dai frutti dell’investimento) ed il tenore di vita si parleranno ed il secondo verrà aggiustato in base alla quantità del primo.

Non ci sarà più tempo per rimediare agli errori di pianificazione finanziaria. Una soluzione però c’è ed ora ve lo dimostro.

Il messaggio è soprattutto rivolto ai giovani (non dovrei farlo io ma le istituzione pubbliche, ma come si sa il mondo non è perfetto purtroppo) i quali hanno l’enorme vantaggio di poter sfruttare l’ottava meraviglia del mondo se decidono di sacrificare una piccola parte di consumi presenti fin da subito.

Scuola, casa, figli, sono solo alcuni dei passaggi fondamentali che ognuno di noi vuole e deve cercare di finanziare durante il ciclo di vita.

Alla fine del ciclo lavorativo, quando saremo tutti quanti inevitabilmente meno produttivi, ecco che il cuscinetto che avremo creato rinunciando a qualche consumo risulterà fondamentale per mantenere un tenore di vita adeguato pur facendo fronte agli inevitabili imprevisti con maggiore serenità.

Mi è piaciuto molto un esempio che ho trovato sul sito awealthofcommonsense.com circa l’efficacia dell’avvio precoce di un piano di risparmio ai fine pensionistici.

Abbiamo due ragazzi, Marco e Sara. La ragazza decide di avviare un piano di risparmio a 25 anni accantonando 500 euro al mese fino a 35 anni. A quel punto Sara stoppa il piano e non versa più nulla, semplicemente lascia il patrimonio investito per altri 20 anni ai rendimenti di mercato. A 65 anni, con un tasso di rendimento nominale annuo del 7% e con soli 10 anni di versamento, Sara si ritroverà con 675 mila Euro. Il 7% di rendimento è giustificato dalla storia degli ultimi 120 anni di borsa. Un portafoglio 80% azioni 20% obbligazioni in America dal 1900 ad oggi ha ritornato il 6,6% annuo reale (al lordo di costi e tasse), quindi già depurato dagli effetti nefasti dell’inflazione. 

Marco ritarda invece l’avvio del piano di risparmio e comincia a mettere da parte 500 euro mensili dai 35 anni di età. Il piano procede per 30 anni consecutivi con un versamento totale di 180 mila euro, tre volte quanto versato da Sara.

Vi aspettate un Marco decisamente più ricco a 65 anni di età vero? Sbagliato!!

Assumendo un analogo rendimento annuo del 7%, Marco a 65 anni, pur avendo versato un capitale tre volte più alto di quello di Sara, avrà a propria disposizione una cifra inferiore di quasi 70 mila euro. E’ la magia della capitalizzazione composta degli interessi.

Volete sapere quanto capitale avrebbe avuto a propria disposizione Sara se avesse proseguito nella propria opera di risparmio da 500 euro fino ai 65 anni di età?

Eccovi accontentati, 1.281.657 euro, più del doppio di quello che raccoglierà Marco alla stessa età.

Solamente 10 anni in più di risparmio nella fase iniziale del progetto hanno prodotto un montante finale doppio per la ragazza. Il buon senso di Sara e la maggior durata del piano di investimento hanno lavorato a suo vantaggio.

Più tardi si parte nel risparmiare meno capitale avremo a nostra disposizione al raggiungimento dell’obiettivo.

In alternativa, se volete stare al passo di Marco e Sara ma avete un età per esempio di 40 anni, dovete essere consapevoli che serviranno versamenti da 750 euro ogni mese per ottenere circa 610 mila euro di montante finale a 65 anni.

Comprendo che 500 euro di versamento mensile in questo contesto economico soprattutto per un giovane sono molto complicati da risparmiare.

Questo è solo un esempio per dimostrare come l’interesse composto ed il tempo producono risultati impressionanti nel lungo periodo. Non serve partire con l’asticella a livello di record del mondo di salto in alto. Possiamo anche cominciare con 50 o 100 euro al mese. Poi nel corso della vita aumenteremo il passo. Nessun problema.

Se siete interessati a qualche pianificazione personalizzata fatemi sapere, vi aiuterò volentieri in qualche simulazione.

Letture consigliate: L’ottava meraviglia del mondo, un luogo che ogni giovane dovrebbe vedere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.