Come creare un piano di investimento

Sunset, Road, Trees, Asphalt, Sunlight

Creare un piano di investimento rappresenta la pietra probabilmente più importante sulla strada che porta al raggiungimento di un obiettivo di natura finanziaria.

Buy and hold e market timing sono due concetti che gli investitori hanno sentito spesso nominare da consulenti o trader per giustificare la bontà dell’uno o dell’altro metodo di investire i risparmi.

Entrambi hanno fallito alla prova dei mercati finanziari degli ultimi anni e soprattutto mostrano dei limiti nella gestione del rischio qualora si intenda programmare un piano di investimento di lungo periodo.

Il buy and hold è uscito ridimensionato dai due feroci mercati ribassisti della prima decade del secolo (2000 e 2008).

Il market timing non può necessariamente trovare una larga diffusione per la difficoltà di poterlo sfruttare con continuità.

Entrare e uscire nel momento giusto del mercato necessita grandi capacità (ed un po’ di fortuna) nel prevedere minimi e massimi primari, cosa ovviamente molto complicata che richiede disciplina. Anche i grandi trader faticano con continuità a rimanere disciplinati con continuità, figuriamoci un piccolo investitore. E poi diciamo tutte le cose fino in fondo. Ormai diverse evidenze accademiche hanno dimostrato che è pressochè impossibile fare meglio del mercato nel lungo periodo.

Allora qual è l’alternativa che rimane all’investitore medio? Un piano di investimento disciplinato. Continua a leggere