Questione di Aspettative

Research Affiliates ogni trimestre aggiorna la pagina relativa alle attese di rendimento reali (quindi depurati dall’inflazione prevista) per ciascuna asset class, attese stimate sulla base di una serie di dati storici e proiettabili all’interno di un portafoglio con orizzonte temporale di lungo periodo.
Lo strumento è utile non tanto per sapere come si muoveranno i mercati nei prossimi mesi o anni (sinceramente assistiamo a trend che gli stessi modelli non riescono a prevedere, vedi la borsa americana del 2014 e che vedeva ad inizio anno rendimenti attesi molto modesti come nel 2015), quanto per capire come le aspettative di ciascun investitore deve essere ridimensionate rispetto al passato, almeno ad oggi gennaio 2015.

aspettative FR
Le metodologie adottate per calcolare questi rendimenti attesi da Research Affiliates possono essere considerate valide o opinabili non ci interessa. Quello che è certo è che pronti via il 2014 vede asset class come le small caps americane le quali addirittura vantano rendimenti attesi in termini reali (quindi depurati dall’inflazione americana) negativi, esattamente come la liquidità. Poche soddisfazioni sono attese anche da large cap ed obbligazionario global aggregate con aspettative reali di poco inferiori allo 0,50%.

excel aspettative FA

Fonte: Research Affiliates

Un portafoglio bilanciato 60% azioni 40% bond non poteva che partorire, secondo le intenzioni metodologiche di RA, un modestissimo 0,37% reale con una volatilità di quasi 10 punti. Se il risparmiatore americano vuole cercare soddisfazioni reddituali non ha scelta, dovrà rischiare di più e lo dovrà fare fuori dagli States. Questo appare logico visto che gli ultimi anni hanno espresso una forza relativa notevole degli asset made in Usa rispetto a quelli europei ed emergenti. Tutto questo ha un prezzo e si chiama volatilità.

Questo discorso può essere traslato anche sull’investitore europeo. Ripeto nessuno può sognarsi di sapere in anticipo quali saranno i rendimenti di ogni asset class nel 2015, però sappiamo quello che sono le aspettative attuali dei mercati ed è prevedibile che queste ci forniscano un indizio di massima sui ritorni attesi per le asset class di riferimento.

Pur con la speranza di vedere sorprese positive non possiamo ignorare che un indice Jpm Global Aggregate (rappresentativo di un obbligazionario mondiale diversificato) vanta un rendimento a scadenza del 1.7%, mentre la borsa americana S&P500 vanta un rapporto Utili per Azione atteso nel 2015 di circa il 5,5%. Tutto questo in termini nominali da depurare con l’inflazione e senza considerare il fattore volatilità.

Mai come nel 2015 diversificare asset class ed aree di investimento sarà fondamentale per cercare di spuntare rendimenti reali positivi, ma rimanete semplici, evitate eccessive personalizzazioni modaiole del portafoglio e scegliete prodotti a basso costo, l’unico elemento di cui avete certezza oggi.

Fonte: http://www.researchaffiliates.com/assetallocation/Pages/Core-Overview.aspx

Leggi anche: Semplicità e Buon senso, il segreto del Buon Investire sta tutto qui

                       La Piramide dell’investitore

                       Come creare un Piano di Investimento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.