L’investimento Attivo è un Gioco a Somma Zero? No Peggio…

Quando ogni giorno aprono le contrattazioni sui mercati mondiali ci sono operatori che acquistano ed altri che vendono, una vorticosa giostra di scambi che ovviamente si chiude con vincitori e vinti. Il risultato finale (prendiamo ad esempio la variazione percentuale di un indice azionario) è sintetizzato in una variazione positiva o negativa per coloro che hanno scelto di investire sull’indice stesso.

zero1
Chi avrà scelto semplicemente di replicare quell’indice non si troverà nient’altro che un risultato analogo (depurato da commissioni di trading e di gestione se è stato utilizzato un ETF). Chi invece ha deciso di gestire attivamente quella giornata tramite attività di compravendita potrà ottenere un risultato migliore o peggiore dell’indice.
Se alla sera c’è un vincente inevitabilmente ci sarà anche un perdente. In parole molto semplici, la gestione attiva è un gioco a somma zero, anzi peggio di zero ma di questo parleremo dopo.

Un risparmiatore quando ha del denaro da investire ha tre scelte.
1) Affidarsi semplicemente al mercato tramite strumenti gestiti a replica passiva (index fund o ETF);
2) Decidere in proprio di investirli in quella che possiamo definire una gestione attiva individuale;
3) Decidere di investirli in strumenti a gestione attiva collettivi (fondi, Sicav, hedge fund, ecc…).

Nel caso 1 per ogni giornata di investimento il risparmiatore vedrà ritornare l’andamento del mercato che ha scelto di replicare (meno commissioni), il cosiddetto BETA. In questo caso non si andrà né meglio né peggio del mercato semplicemente lo si replicherà pagando modeste commissioni di gestione.

Nel secondo caso per ogni giornata di investimento il risparmiatore vedrà ritornare l’andamento del mercato BETA più o meno le decisioni di investimento attive, il cosiddetto ALPHA.
A questo punto sul mercato abbiamo due attori, i passivi e gli attivi.
I passivi vedranno ritornata la performance del mercato e nulla di più o di meno.
L’investitore che ha deciso di differenziare il suo investimento nel tentativo di fare meglio del mercato (ipotizziamo lo S&P500) decidendo di incrementare la sua posizione nella sua azione Google, avrà alla fine della giornata un risultato migliore o peggiore dello S&P500 a seconda di come Google si sarà mossa.

zero3
Questo Alpha generato dall’investimento, se positivo, avrà una contropartita negativa in un investitore che ha deciso di migliorare la performance dell’indice vendendo Google.

Per ogni compratore ci deve essere un venditore ed è quindi ovvio che ad ogni Alpha positivo corrisponde un Alpha negativo.
Ecco perché l’investimento attivo è un gioco a somma zero.

Inserite questo esempio all’interno di milioni di scambi quotidiani da parte di investitori attivi ed avremo milioni di vincenti pari a milioni di perdenti.
A chi nel lungo periodo farà meglio del mercato corrisponderà sempre un eguale numero che fa peggio, ovviamente anche nel mondo della gestione attiva dei portafogli ( i fondi).
Perché allora ho definito l’investimento a gestione attiva peggiore di un gioco a somma zero?

Immaginiamo che nello stesso esempio di prima due fondi prendono posizioni differenti sull’azione Google addebitando per i loro servizi una commissione di gestione del 1,5%. Un investitore passivo che replica l’indice si troverà addebitato di una commissione dello 0,25%.
L’investitore passivo guadagna il mercato (Beta) – 0,25%.
L’investitore attivo che ha azzeccato le scelte di investimento indipendenti dall’indice guadagna il mercato (Beta) + (Alpha) meno 1,5%.
L’investitore attivo che invece non ha azzeccato le scelte di investimento indipendente dall’indice guadagna il mercato (Beta) – (Alpha) meno 1,5%.
Per una semplice regola matematica i due Alpha si annullano ma la perdita del 1,5% c’è per tutti e due. L’investitore passivo invece pagherà solo 0,25%.
Se non sono stato chiaro (probabile quando ci si dilunga troppo nello scritto) un esempio grafico di Vanguard aiuta a comprendere meglio il giochetto.

zerosumgameSull’asse delle ascisse abbiamo il ritorno dell’investimento rispetto al mercato (linea zero – verde centrale), sull’asse delle ordinate la probabilità di sovra/sotto performance rispetto al benchmark.
Nella fase iniziale di replica dell’indice abbiamo una campana che mostra uguale probabilità di fare meglio o peggio dell’indice da parte degli investitori attivi. Ma attenzione ad ogni fondo dobbiamo togliere dalla performance le commissioni.
La campana dai contorni verdi viene traslata a sinistra assumendo i contorni rossi. Per i gestori la linea di partenza viene quindi spostata indietro per effetto dei costi (linea verticale tratteggiata). A questo punto le probabilità di un fondo possa fare meglio del mercato (la zona della campana colorata di verde) si restringono rispetto al caso precedente.

Non si esclude affatto che ci siano fondi che facciano meglio del mercato (ricordiamo sempre che è un gioco a somma zero e per forza ci sono vincenti e perdenti), ma il numero di coloro che risultano vincenti viene ridotto in termini probabilistici per effetto del solo costo del prodotto.

Quindi la gestione attiva dell’investimento dall’essere un gioco a somma zero diventa un gioco peggiore della somma zero.

Questo spiega perché le statistiche snocciolate di continuo sul numero dei fondi capaci di fare meglio del mercato vede costantemente numeri inferiori al 50% nel lungo periodo.

zero2
Andate al casinò ma il gioco non è equo e le vostre scelte dovranno ricadere su prodotti costantemente con un alpha positivo (se siete fornitati nell’individuarlo ogni anno) in grado di compensare anche gli elevati costi di gestione.
Non vi sembra che cominciano ad entrare in gioco troppi elementi di incertezza?

Leggi anche: Come farsi regalare un’auto dal vostro piano di investimento

                        Fondi a gestione attiva, la difficoltà di battere il benchmark

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...