Siete Pronti per le Montagne Russe?

russeIl grande pregio del mercato azionario è quello di passare molto più tempo in fase rialzista che in quella ribassista. Il grande difetto del mercato azionario è che quella breve fase ribassista spesso e volentieri è ricca di forte volatilità andando così a colpire direttamente il punto più debole di un portafoglio di investimento, ovvero la riga del deposito titoli. Quando cominciano ad apparire dei segni rossi nella colonna performance ci si sente ancora sicuri di sé, poi questi segni rossi aumentano fino quasi a completare l’intera pagina ed è qui che l’investitore medio molla la presa commettendo spesso e volentieri un grosso errore.
I mercati finanziari rappresentano in un certo senso un parco divertimenti. In base al coraggio si può decidere di fare certi tipi di attrazioni, dal classico trenino panoramico a quelle con livelli di adrenalina a mille come le montagne russe. Il profilo di rischio in finanza è come il coraggio di affrontare le attrazioni di parco, se si fanno giochetti un po’ troppo pericolosi non succede nulla alla nostra salute, ma il nostro cervello se lo ricorda a e la volta dopo ci dice picche.

Prendo spunto da questo ragionamento per riallacciarmi al detto Sell in May (già trattato qui)passando da un interessante branca dell’analisi tecnica che è quella legata alla stagionalità.

La tabella seguente (fonte Bespoke Investment Group) ci mostra infatti come certi luoghi comuni hanno tante di quelle eccezioni che spesso e volentieri ne riducono la valenza statistica. In questi casi meglio lasciar perdere (a meno che non fate i trader) ed investire serenamente in ogni periodo dell’anno quando la nostra quota di risparmio ce lo consente.

bespoke
Come si vede dalla tabella, se giugno è solitamente un mese negativo per le borse americane (e giugno – agosto è piuttosto fiacco), esistono delle eccezioni. Ad esempio quando maggio chiude positivo e quando lo fa in un momento in cui l’indice di borsa da inizio anno è a sua volta positivo, il seguito vede statisticamente la prevalenza di segni più per l’equity made in USA. Dal 1929 ad oggi sono 39 i casi simili a quello del 2015 e nel 74.4% dei casi l’anno si è chiuso con ritorni medi superiori al 7%; stesso discorso per il periodo giugno-agosto che nel 69.2% dei casi ha chiuso in positivo.

Tutto questo non serve certamente per fare delle previsioni su come andrà la borsa americana quest’estate quanto piuttosto per farvi capire come non bisogna essere eccessivamente pessimisti o eccessivamente ottimisti. Né io, né voi decideremo la direzione del mercato quest’anno, ma se da un parte vi dicono che le borse sono care, dall’altra la stagionalità dice che invece saliranno e dall’altra ancora che Grecia, Cina, Ucraina e tante altre sfighe portarono ad un crash dei mercati, beh fate una bella cosa. Smettete di interessarvi per un po’ di finanza e delle oscillazioni giornaliere dei vostri fondi. Investite con convinzione con un orizzonte temporale adeguato ed andate a divertirvi con i risparmi che vi rimangono, al resto penserà il mercato qualunque cosa pensiate.

Leggi anche: Perchè perdiamo il buon senso quando investiamo

                       Perchè gli investitori non battono mai i mercati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...