Testiamo gli ETF Smart Beta

Avevamo già avuto la conferma nei mesi scorsi della bontà del prodotto ETF iShares Msci Wolrd Min Volatility durante le fasi correttive di mercato (qui potete vedere il primo test), ma ora che la discesa si è fatta consistente e duratura siamo andati a spulciare nei numeri come si sono comportati anche gli altri Smart Beta dal 20 luglio (picco dello S&P500) al 8 settembre.
In questo arco temporale l’ETF iShares Msci World Core (l’indice generalista) ha perso circa l’11,5%, una performance alla quale si sono allineati gli ETF Value, Quality e Momentum Factor. Un punto in meno ha perso l’ETF Size Factor. Già da qui possiamo capire come nel breve periodo e durante le correzioni di mercato tra comprare un ETF generico e uno Smart Beta grandi differenze non se ne vedono. Diversi potrebbero essere il ragionamento in un ottica di lungo periodo e soprattutto di bull market, ma questa conclusione è tutta da verificare.

Chi invece emerge come detto all’inizio è l’ETF che investe sulle azioni a minore volatilità. Possiamo tranquillamente dire che la correzione estiva ha dimostrato come il prodotto sa fare il suo lavoro (qui il secondo test). La perdita infatti è stata del 7,9% un terzo di rosso in meno rispetto al classico benchmark Msci World.

Una bella prova di efficienza che rende questo prodotto interessante in fasi incerte e prive di direzionalità quali quelle attuali.

volati

Leggi anche: Esame di maturità

                        Dopo la maturità…l’università

Annunci

3 thoughts on “Testiamo gli ETF Smart Beta

  1. Pasquale G. 10 settembre 2015 / 10:34

    Ma questo comporta che lo smussamento dell’Etf Volatility sia anche al rialzo giusto? Volatilità a parte nel lungo dovrebbero rendere di meno visto che mediamente costano di più come TER?

    Mi piace

    • archeowealth 10 settembre 2015 / 22:50

      Corretto, questo ETF avrà il freno a mano tirato nelle fasi di rialzo. Il costo (e aggiungiamo anche una liquidità e quindi uno spread bid ask leggermente più penalizzante) rende un pò più oneroso il prodotto ma sinceramente la differenza non è così eclatante rispetto ad esempio ad un presunto fondo a gestione attiva.
      Nel mio portafoglio personale ho inserito il prodotto nel momento in cui feci la prima recensione proprio perchè temevo la volatilità e soprattutto un periodo di borse imballate. Ovviamente sarebbe da rimuovere nel momento in cui si ha la convizione che tutto ripartirà (chi può averla?) ma credo che sarà più opportuno affiancare a questo prodotto dei direzionali puri in modo da avere l’esposizione all’azionario con un grado di rischio inferiore. I tempi futuri non saranno facilissimi anche in termini di rendimento e se si hanno a disposizione armi efficaci perchè non usarle.

      Mi piace

      • Pasquale G. 11 settembre 2015 / 8:58

        perfetto, grazie mille 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...