Long Short Azionari, compromessi da accettare

Nell’ultimo anno l’asset management ha sfornato prodotti long short azionari in grandi quantità e questo per accogliere le richieste della clientela di avere a disposizione prodotti in grado di abbassare la volatilità (quindi il rischio) dei portafogli azionari complice il timore di assistere, dopo oltre sei anni di rialzo, a pericolosi capitomboli. Ovviamente in mezzo a queste belle intenzioni da boy scout ci sono generose commissioni di gestione (sommate a quelle di performance) che i gestori si portano a casa solo ed esclusivamente gestendo “la paura” di un calo. Di questi fondi non direzionali ne abbiamo già parlato qui e proprio la voce costi è quella che negli ultimi anni ha infastidito di più gli investitori scoraggiati da ritorni non proprio esaltanti.

Quando il mercato sale come ora il prodotto long short è destinato sempre e comunque a rimanere dietro e vedremo perchè. Si vende un sogno, ma solo quando ci sarà una vera e propria correzione di mercato questo sogno potrà diventare una bella realtà a forma di ombrello oppure l’ennesima promessa non mantenuta. Non lo sappiamo e non lo sapremo fino al verificarsi degli eventi.

Ma per chi fa progetti di investimento di lungo periodo ha senso investire in questi prodotti? E se il bull market dovesse andare avanti per altri anni con correzioni anemiche e risalite regolari come fatto finora?

La risposta è ovviamente NO, non ha senso mettere denaro in prodotti che hanno un Beta, ovvero un fattore di replica del mercato azionario nettamente inferiore a 1. Si potrebbe controbattere che un Beta inferiore a 1 protegge l’investimento nelle fasi di correzione, ma intanto non sappiamo quando queste correzioni arriveranno e soprattutto la storia vede il prevalere delle fasi di rialzo su quelle di ribasso.

Detto ciò interessante l’articolo di Morningstar sull’argomento. L’analisi è centrata sul mercato americano ma ovviamente può essere applicata anche a quello europeo. Attualmente sono circa 150 i prodotti long short, ma dentro questa categoria potrebbero rientrare prodotti anche di natura diversa dal classico long short azionario che utilizza proprio il posizionamento ribassista su azioni o indici per attenuare la volatilità sfruttando le opportunità di mercato in entrambe le direzioni.
Tutto molto bello ma che all’atto pratico si traduce in una media di categoria di Beta rispetto allo S&P500 di 0.51, ovvero un guadagno pari alla metà dell’indice in fase di rialzo ed una perdita pari alla metà nelle fasi di ribasso.

beta long short

Come si vede dalla tabella la dispersione comunque c’è con diversi fondi che collocano il loro Beta sotto 0,2 o sopra 0,8.

Esistono gestori che sfruttano al massimo la flessibilità che che la politica di gestione concede loro, ma è chiaro che un sottoscrittore di questi fondi prima di acquistare deve porsi qualche domanda.

Ad esempio siete disposti a pagare generose commissioni per guadagnare sistematicamente meno del mercato di fronte ad una (non verificata) possibilità di perdere meno in caso di bear market? Risposta questa domanda bisogna poi anche chiarire a voi stessi se desiderate avere un gestore molto attivo (e quindi il quesito di prima è inutile) al quale affidare soldi e speranze che il team di gestione sia in grado negli anni di catturare sistematicamente le migliori opportunità al rialzo o al ribasso.

Considerando che i recenti dati sulle capacità dei gestori di battere il mercato non sembrano essere incoraggianti in tal senso, siate consapevoli che a rischio state aggiungendo altro rischio.

Leggi anche: Fondi non direzionali

Quanto del vostro rendimento si perde in costi

Quanto vi costa il desiderio di protezione?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...