Diversificare Significa…

uova

Diversificare gli investimenti significa ammettere che il futuro è imprevedibile e quindi che ogni previsione di lungo periodo è poco affidabile.

Diversificare significa rinunciare ad una fetta di potenziale rendimento assicurandosi però una fetta ancora più grande di certezza nel ritorno integrale del capitale investito.

Diversificare significa ogni giorno essere ogni vincenti su almeno un tavolo da gioco.

Diversificare significa non vincolare i propri soldi ai destini di un’azienda, un settore o un paese.

Diversificare non evita le tempeste finanziarie, ma permette di affrontarle con una bella giacca cerata addosso.

Diversificare significa partecipare all’unico pasto gratis che offrono i mercati finanziari.

Diversificare significa gestire i propri soldi con la diligenza del buon padre di famiglia.

Leggi anche:        Il senso delle diversificazione

                               L’unico pasto gratis in finanza

Non Abbiamo Sempre Ragione

error

Nella mia esperienza di trader tante volte ho messo in piedi operazioni perfettamente pianificate nei minimi dettagli con eccellenti livelli di rapporto rischio rendimento che poi si sono rivelati perdenti. Mi scervellavo a capire se avessi sbagliato qualcosa nelle mie analisi e finivo per incolpare il mercato e la sfortuna come responsabili del fallimento. Stop loss colpiti in modo talmente preciso (con successiva bruciante ripartenza nella direzione giusta) da farmi pensare a chissà quale mano occulta che prestasse attenzione proprio al mio minuscolo trade per sbattermi fuori. Notizie a sorpresa negative che finivano per rovinare uno scenario preparato accuratamente nei giorni precedenti. Cugini dell’asset scelto che andavano nella direzione giusta mentre il mio cavallo rimaneva fermo, e via così.
Ero afflitto come tutti i trader principianti da manie di persecuzione. Continua a leggere

Il Prestito Titoli negli ETF

etf1

La competizione al ribasso sui costi degli ETF ha alimentato nuova ingegneria finanziaria per ridurre i costi ed aumentare forme di reddito alternativo per i possessori del fondo. Ecco che quindi il prestito titoli ha cominciato a diffondersi nel mondo ETF con gran parte dei prodotti che ne fa uso in modo più o meno accentuato.
Il prestito titoli è una pratica che permette all’ETF a replica fisica di impiegare i titoli in portafoglio prestandoli ad un’altra controparte a fronte di una commissione. Nello stesso tempo i titoli rimangono nel patrimonio del fondo permettendo allo stesso di replicare il benchmark sottostante anche perché cedole e dividendi incassati vengono trasferiti all’ETF. Continua a leggere

Calma, Opportunismo e Visione di Lungo Periodo

Post di buon senso (come definirei io) da parte di Vanguard la quale evidentemente si trova di fronte ad investitori che cominciano (come sempre in questi casi) ad innervosirsi quando i segni meno fanno capolino sull’estratto conto titoli.

Mantenere la calma e focalizzarsi sugli obiettivi di lungo periodo. Se per caso siamo all’inizio di un devastante bear market come quello del 2007 (e questo nessuno ad oggi lo sa), non dimenticate mai che dopo 6 anni l’indice azionario mondiale aveva ricoperto interamente le perdite pregresse.
La volatilità non può essere eliminata da nessun portafoglio salvo rinunciare a pezzi di rendimento, anche importanti, nel futuro. Continua a leggere

Lo Spauracchio della Pensione

spaur

Articolo del Financial Times abbastanza discutibile e che, come spesso accade, tende a ricercare il titolone affrontando il problema dal lato sbagliato.  Secondo la Treccani la parola Spauracchio ha il significato di persona, cosa, situazione che incute timore e spavento. Pur condividendo il sottoscritto la necessità di pianificare il proprio futuro finanziario a volte si tende un attimino a esagerare e, spesso e volentieri, credo anche a qualche conflitto d’interessi di troppo. Ma andiamo con ordine.
Il fatto che i millennials (all’italiana i 20-30enni di oggi) possano avere in futuro degli enormi problemi di adeguate prestazioni pensionistiche è noto da tempo. Il nodo critico non è però legato al costo della vita o ai bassi stipendi nella fase iniziale della carriera (quello bene o male è toccato a tutti), quanto alla continuità delle prestazioni lavorative abbinato ad un numero di alternative professionali credibili e di qualità che possano permettere di far crescere progressivamente gli stipendi in base al merito . Continua a leggere

1 Volta su 2 i Prezzi delle Azioni Salgono Durante una Recessione Economica

Dal 1926 gli Stati Uniti hanno visto in media una recessione ogni 59 mesi mentre ad oggi siamo a quota 80 mesi dall’ultima variazione negativa di Pil. Durante le fasi intercorse fra due recessioni in media la borsa americana è salita del 111% ora siamo sopra al 140%. Tutto farebbe pensare che “stiamo prendendo a prestito tempo” e forse è così. Ma come disse anni fa l’economista Paul Samuelson “The stock market has forecast nine of the last five recessions” (in italiano il mercato azionario ha previsto nove delle ultime cinque recessioni), segno che il mercato non sempre azzecca le previsioni catastrofiche e che non tutti i bear market sfociano in recessioni. Ne abbiamo già discusso qui. Continua a leggere

Cape e Price / Book Value, Due Ottimi Strumenti per Generare Aspettative di Rendimento ad Alta Probabilità di Successo

Interessante “paper” della casa di ricerca tedesca StarCapital che mette chiarezza su pregi (ma anche limiti) delle capacità previsionali di alcuni indicatori fondamentali di valutazione azionaria.
L’autore dell’ottima ricerca, Norbert Keimling, dopo una serie di analisi basate su dati storici che partono dal 1881 per le borse americane e dal 1979 per gli altri indici azionari mondiali, indica nel Cape di Shiller e nel rapporto Price / Book Value (prezzo valore di libro) i migliori elementi di supporto per creare ragionevoli aspettative di rendimento in un periodo compreso tra i 10 e i 15 anni.
Confermata l’assoluta irrilevanza di questi numeri nel definire aspettative di rendimento di breve periodo mentre, seppur con tassi di variabilità comunque accettabili, è possibile avere delle stime accurate di cosa può ritornare un indice azionario a 2/3 lustri. Continua a leggere