Investitore, non Gambler

Bella infografica offerta da Pimco. Nella sostanza il grafico indica la dispersione tra la migliore asset class di un anno e la peggiore. Nel mezzo un classico 60/40 spalmato tra azioni internazionali ed obbligazioni internazionali (a cambio coperto in questo caso lato cittadino americano).

Il 2015 dal punto di vista della dispersione dei rendimenti non è stato certamente uno dei peggiori degli ultimi 15 anni con i 36 punti percentuali che distanziano la migliore asset class dalla peggiore. Il fatto che un investimento bilanciato 60/40 abbia permesso di vivacchiare attorno allo zero rimarca una volta di più il concetto di diversificazione. Non privilegiare la scommessa ha impedito di raggiungere un +10.9% (che è poi l’azionario Euro), ma ha anche impedito di essere esposti ad un collasso del 24% sulle commodity.

pimco storico max min

Evidente il fatto i prodotti bilanciati impediscono il raggiungimento di certe belle vittorie da casinò, ma chi può saperlo prima quali saranno questi best performers? Ed anche ammettendo di riuscire a fare analisi corrette di previsione, siete disposti a mettere tutti i vostri soldi sul piatto scommettendo su un unico cavallo pur di vincere tutto (o perdere tutto)?

Negli ultimi 3 anni mediamente il best performer ha guadagnato il 25% contro il 6,3% medio di un bilanciato e il – 17% dell’asset peggiore.

Fatevi delle domande circa la vostra propensione al rischio. Chiedetevi se siete disposti ad investire su qualcosa che ha la stessa probabilità di perdere o guadagnare in doppia cifra. Poi chiedetevi se preferite dormire sonni più tranquilli ed accontentarvi di quello che offre il mercato senza fare i fenomeni oppure correre il rischio di andare in depressione.

Nulla vieta di impostare scommesse con i propri soldi, io stesso lo faccio, ma ricordo sempre che tutto ciò deve essere fatto con consapevolezza e buon senso e soprattutto solamente per una piccola fetta del portafoglio.

Soddisfatto il proprio desiderio di “scommettitori” giocate sempre su più tavoli avendo un’unica ambizione, ottenere ciò che il mercato è in grado di riconoscere a tutti gli investitori mondiali senza handicap o vantaggi di sorta.

Leggi anche: Portafoglio 60/40, cosa possiamo aspettarci per il futuro?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...