E se l’asset allocation fosse una dieta?

food

Potrò sembrare un pò strano, ma vorrei farvi riflettere sul fatto che tra il modo di alimentarci durante la nostra esistenza terrena ed un ciclo di investimenti di lungo periodo non c’è nessuna differenza.

Da giovani si esce con gli amici, si mangia e si beve senza prestare grande attenzione a grassi, fritti o cibi supercalorici. Una bella dormita, la testa un pò pesante la mattina, la bocca impastata, ma con una digestione che trita anche i sassi ci si alza e si va a fare tranquillamente una bella corsa. Un pò traballanti, con le gambe un pò molli, ma si ricomincia ed il peggio è alle spalle.

Poi l’età avanza, le serate a cena diventano sempre più difficili tra colpi di sonno e lunga digestione. Si cercano su internet diete fai da te miracolose che promettono un super metabolismo senza grandi sacrifici. L’incostanza (vostra) e l’ìncosistenza (le diete fai da te) vi riportano sulla Terra molto in fretta.

Passa ancora un pò di tempo ed evitiamo tutto ciò che spinge in alto il maledetto colesterolo, i diverticoli non ci lasciano in pace, la lista di cibi che il dottore ci sconsiglia di mangiare è sempre più lunga ogni anno che passa. Di fatto dobbiamo ridurre i fattori di rischio man mano che il tempo avanza.

Provate adesso a pensare all’esperienza che tutti abbiamo vissuto in modo più o meno avventuroso nel modo degli investimenti finanziari. Continua a leggere