L’Asset Allocation di ArcheoWealth (Update 2°trimestre 2017)

Consueto aggiornamento trimestrale del portafoglio di Archeowealth partito ufficialmente, come i nostri lettori più affezionati ben sanno, a gennaio 2015 con una dotazione di 50 mila Euro.

La nostra volontà era quella di mostrare ai lettori che è possibile costruire portafogli efficienti anche con importi modesti. Realizzato tramite strumenti a replica passiva (ETF), l’obiettivo è quello di minimizzare il costo dell’investimento con al massimo una decina di strumenti compresi all’interno del portafoglio.

Alla fine del primo trimestre 2017 il montante era di poco superiore ai 57.500 Euro in quella che definimmo una performance eccezionale (+2.8%) considerate le premesse della partenza e la durata temporale di appena tre mesi trascorsi.

Non siamo stati smentiti ed il mercato ha richiesto indietro una parte tutto sommato non così significativa di performance. Al giro di boa dell’anno arriviamo così con una performance del 2.38% ed un montante di poco superiore ai 57.300 Euro.  Diventa così +14.5% l’apprezzamento del capitale dalla partenza di questo investimento nel 2015, risultato al netto di costi quantificabili in 0.27% annuo.

Soddisfazione comunque per un portafoglio che vanta un peso azionario di poco superiore al 50% e che, nell’ultimo mese soprattutto, ha sofferto la negatività di indici azionari, commodities e dollaro.

Ecco la composizione del portafoglio suddivisa per macro asset class.

Crediamo giunto il momento per fare un aggiustamento, seppur minimale, nella composizione del portafoglio e che nei prossimi giorni porteremo a compimento. Nel timore (fondato) di debolezza di Dollaro dopo aver raggiunto i livelli di 1.05, avevamo inserito un investimento in ETF US Corporate investment grade con bassa duration (1-5 anni) in versione hedged, cioè coperta dal rischio di cambio. Con il Dollaro tornato a livelli per noi interessanti, manteniamo la medesima esposizione semplicemente facendo uno switch da classe hedged a classe aperta al rischio cambio. Il tutto coinvolgendo poco più del 4% del portafoglio.

Tutto il resto riteniamo possa garantirci un equilibrio di diversificazione assolutamente fondamentale in investimenti di questo tipo. Nel rispetto della nostra filosofia non facciamo quindi aggiustamenti ulteriori.

Il portafoglio è completamente investito in ETF. Al momento il 60% è a replica fisica, il resto sintetica per mancanza di ETF ad accumulazione quotati sul mercato italiano. L’obiettivo è convergere almeno verso un 80/20.

Il 60% dell’investimento è rappresentato da ETF con capitalizzazione superiore ai 500 milioni di Euro, il resto è compreso tra 100 e 500 milioni.

L’80% degli ETF è ad accumulazione. Quelli a distribuzione sono stati utilizzati per mancanza di prodotti adeguati su certe asset type.

Come ripeto sempre (a beneficio dei nuovi lettori) ecco il disclaimer finale. Questo è il MIO portafoglio e NON il VOSTRO. Qui dentro ci sono i miei obiettivi e non i vostri. Qui dentro c’è la mia propensione al rischio e non la vostra (che non conosco).

Questo portafoglio non è replicabile semplicemente perchè calza a pennello sul mio profilo di investitore. Anche voi dovrete cercare di costruire (o farvi aiutare da un consulente preparato) un’asset allocation  che miri a realizzare nel corso del tempo i vostri obiettivi. Quando vi sentirete tranquilli di stare sul mercato con quel tipo di investimenti, beh allora avrete raggiunto la pace dei sensi dell’investitore di buon senso.

Buon investimento a tutti.

 

Annunci

4 thoughts on “L’Asset Allocation di ArcheoWealth (Update 2°trimestre 2017)

  1. Anonimo 10 luglio 2017 / 15:27

    Complimenti per i risultati fin qui ottenuti! Li hai ottenuti coi soli ribilanciamenti o hai anche fatto acquisti sui ribassi ? Io ho creato il mio portafoglio a fine marzo e attualmente sto a -1,5%.

    Mi piace

  2. Domenico 11 luglio 2017 / 21:22

    Grazie per il prezioso supporto che ci offre settimanalmente, mi sono stati di grande i suggerimenti in prodotti finanziari come gli ETF che praticamente non conoscevo, e grazie per ribadire costantemente che ognuno deve costruirsi il proprio portafoglio sulla base della propria propensione al rischio ecc, una cosa però non mi ha convinto al 100 % e cioè il timing, glielo dico perché io entrai nel mercato aimè come molti durante la famosa bolla speculativa e ne sto ancora pagando le conseguenze…per il resto il suo supporto e mi è fondamentale per pensare ai miei investimenti
    Buona serata

    Mi piace

    • archeowealth 12 luglio 2017 / 14:16

      Il timing richiede la correttezza di una previsione e la finanza non può garantire ciò. Ci sono probabilità non certezze. Gli antidoti sono diversi. Piani di accumulo e diversificazione in primis. Anche le vittime della bolla internet se avessero investito al 50% in azioni e resto in bond sarebbero ampiamente in guadagno dopo 17 anni. Ovvio se l’orizzonte temporale era 5 anni investire tutto in azioni allora era folle, ma se più lungo non sarebbe andata malaccio. Chiaro che se l’investimento fosse stato in singole azioni e non sul mercato azionario mondiale il risultato probabilmente sarebbe ancora deficitario.

      Mi piace

      • Domenico 12 luglio 2017 / 22:05

        Grazie per la pronta risposta.
        Effettivamente il discorso non fa una piega, cioè il segreto di un buon investimento è la diversificazione in primis e l’ orizzonte temporale, purtroppo in quel periodo tutto sembrava facile e scontato, ci era un euforia e un eccitazione finanziaria irrazionale.
        Però tutto insegna anche quando ci si fa male….
        Continuerò a seguirla con interesse
        Buona serata

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...