Ignoranza Intenzionale

In un recente articolo sul WSJ, Jason Zweig autore del libro Il Piccolo Libro che Salva i tuoi Soldi ha commentato un tipico comportamento degli investitori, quello dell’ignoranza intenzionale.

In un sondaggio americano condotto tra investitori benestanti è emerso che le aspettative di lungo periodo per un investimento bilanciato è del 8.5% in termini reali. Questo significa 2.5% da bond e 12.5% da azioni su un portafoglio bilanciato 50/50. Tutto può succedere, ma che con le valutazioni di questi mesi l’azionario possa fare di più della media storica ci pare un attimino azzardato.

Ottimismo ed eccesso di fiducia nei propri mezzi e capacità (o di quelle dei consulenti finanziari) genera aspettative decisamente irrealistiche, fonte di delusione in futuro. In realtà l’ignoranza intenzionale è proprio la volontà di rifiutare una realtà che di fatto minerebbe i nostriu progetti e soprattutto comporterebbe sacrifici (di risparmio) ulteriori. Preferiamo mettere la testa sotto la sabbia, cullarci con ricorsi storici irrealizzabili oppure pensare di essere i più furbi facendo meglio, molto meglio del mercato.Come indica Zweig, una ricerca di Vanguard ha evidenziato come gli investitori tendono a guardare molto meno il proprio dossier titoli nelle fasi di ribasso, mentre sono sul pezzo con una frequenza decisamente più elevata nelle fasi di rialzo. Ne abbiamo già parlato qui (I guardoni degli investimenti), ma anche qui (Occhio non vede cuore non duole).

Questo ci porta al tipico fenomeno di vendere troppo presto oppure prolungare l’agonia di scelte sbagliate.

Tutto sommato il non guardare troppo l’andamento dei propri investimenti è un fenomeno virtuoso se però trovasse un equilibrio da entrambi i lati della curva di reddito.

Questo criterio è valido se i portafogli sono costruiti in modo diversificato e soprattutto semplice e trasparente.

Troppo spesso invece sono gli stessi consulenti che tendono ad assecondare l’umore dei propri clienti indicando come necessaria la valutazione di un investimento nel lungo periodo nelle fasi di ribasso, per poi diventare improvvisamente opportunisti nelle fasi di rialzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...