Vi ricordate questi numeri?

I mercati finanziari continuano a dare soddisfazioni, più o meno trasversali. C’è chi guadagna parecchio e chi guadagna un po’ meno ed in coda c’è qualche perdente da “battitore libero”.

L’assuefazione è un qualcosa di molto pericoloso per un investitore portato a percepire sempre meno il rischio man mano che il tempo passa e gli investimenti offrono laute soddisfazioni.

Se un investitore di lungo periodo può permettersi il lusso di guardare il proprio portafoglio una volta ogni 6 mesi, per l’investitore di breve periodo questo atteggiamento diventa molto pericoloso.

Esiste poi un ulteriore problema legato agli investitori di lungo periodo che diventano improvvisamente di breve quando le cose vanno male.

A tutti quanti allora faccio una domanda. Vi ricordate di questi numeri?

Questa tabella è stata estrapolata dal blog http://awealthofcommonsense.com/2017/04/preparing-for-the-next-bear-market/ e mette in parallelo le perdite massime del mercato azionario americano durante i 15 bear market vissuti dopo la Seconda Guerra Mondiale, con l’andamento del Titolo di Stato americano a 5 anni, la massima espressione di sicurezza.

Tranne in un caso i bond hanno sempre protetto ed amplificato il loro valore durante i bear market azionari. Non mi ripeto sul senso dell’investimento obbligazionario e nemmeno sul rischio del mercato azionario, ma entrambi sono essenziali. E quando tutto sembra andare per il meglio (o per il peggio) gettate uno sguardo a questa tabella e chiedetevi due cose.

Sono pronto a vivere uno scenario del genere da domani?

Il mio portafoglio è stato costruito in modo adeguato per affrontare uno scenario di questo tipo?

Non è complicato e dovete sole essere onesti con voi stessi.

In queste due domande c’è tutto; rendimento, rischio, volatilità, drawdown, asset allocation ed altro ancora. Meglio di un qualsiasi questionario.

Buon investimento a tutti.

Annunci

2 thoughts on “Vi ricordate questi numeri?

  1. dragon trading 7 settembre 2017 / 23:47

    Condivido tutto quello che scrivi, il mercato obbligazionario rimane per me uno dei mercati fondamentali che ogni trader non può trascurare per eseguire coperture e per ottenere buoni rendimenti anche nel breve periodo.

    Mi piace

    • Anonimo 9 settembre 2017 / 16:31

      Ciao, a mio parere tutto è relativo, nel senso che ognuno di noi deve aver ben chiaro il proprio orizzonte di investimento, non c’ è buono o cattivo, dipende appunto da molteplici fattori, per me ad esempio è un peccato non cogliere i buoni ritorni che in una fase positiva come oggi il mercato azionario può darti, è altrettanto vero che con l’ azionario aumenta il tuo rischio di elevate perdite, tutto si basa appunto su la tua personalità

      Saluti

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...