Cosa NON fare con i soldi investiti per il futuro dei vostri figli

Torno dalla vacanze  oltre Manica e su Milano Finanza di lunedì 2 settembre vedo il titolo di copertina che recita: “Cari genitori, nonni, zii, dieci investimenti per una vera pensione ai vostri figli e nipoti”. E’ mio, mi sono detto pronto ad una avida lettura.

Incuriosito ho deciso di entrare a spron battuto in questo speciale dedicato a come impostare un piano di investimento corretto per il futuro dei propri eredi. Mi aspettavo (lo ammetto) qualcosa di diverso. Al di là del preambolo fatto di se, ma o forse sulle future norme previdenziali e sull’ipotetica aspettativa di vita, la parte conclusiva della sezione 1 mi ha fornito conferma di quanto ancora indietro siamo nell’educazione finanziaria in Italia.

Corretta la premessa dell’allungamento di orizzonte temporale, ma quando MF mi cade sull’opportunità di puntare su grandi trend secolari per diversificare il portafoglio e non farsi guidare dall’emotività cadono le braccia.

Prima domanda chi ci dice che demografia, sicurezza, robotica, energie rinnovabili saranno i trend dominanti a livello finanziario nei prossimi anni? E se non fosse così si può tornare al VIA e ricominciare come a Monopoli? No!

Lo volete capire che sono scommesse e che su orizzonti temporali così lunghi è tremendamente rischioso rischiare i propri soldi su dei temi specifici anche se in misura non preponderante?

Il tema delle energie rinnovabili è da 20 anni che lo sento ogni tanto passare sui radar finanziari come il business del futuro (al pari dell’ immancabile acqua); magari sarà così con nuove attività professionali che nasceranno, di questo ne sono sicuro, ma questo non significa che saranno quelle che offriranno maggiori soddisfazioni agli investitori in termini di rendimento ( ed infatti finora le delusioni non sono mancate). Stesso discorso vale per il tema dell’invecchiamento delle persone che da anni viene proposte sotto forma di fondi (ed ora ETF) più o meno conditi di qualche sogno di diventare ricchi perché il mondo invecchia. Bah.

Premetto che leggo poco giornali finanziari, ma MF è un quotidiano che non mi dispiace. Però quando nella sezione successiva vengono indicati quattro “temi” da investimento dedicati ai giovani come ambiente, biotech, tecnologia e paesi emergenti qualche dubbio sull’assoluta indipendenza dell’articolo mi viene.

Tutto è esattamente il contrario di quello che dovrebbe fare un giovane investitore (o un genitore) che con pochi soldi ed un piano di accumulo dovrebbe semplicemente (e lo so con meno sensualità e fascino) comprare un fondo o ETF azionario generico che investe a livello mondiale.

Tanto difficile da capire? Evidentemente sì perché poi la riga conclusiva del pezzo di MF dice di non trascurare l’opportunità dei PIR. Perfetto! Rischiare i propri soldi nel paese nel quale si vive e lavora è l’esatto opposto dell’investire con buon senso per diversificare i rischi. Una goccia di olio va bene nell’insalata, una cascata no.

Fortunatamente per MF la pagina successiva aggiusta un po’ il colpo parlando di costi e diversificazione (quella vera) pur marciando ancora sui PIR. Purtroppo però nel complesso l’articolo non mi ha soddisfatto.

Il succo del discorso  è che per il futuro dei propri figli servono pochissimi prodotti semplici, asset  allocation corrette dopo avere definito obiettivi chiari.

Date di nuovo un’occhiata alla piramide dell’investitore imprimetela nella mente e ricordate che settori e prodotti di investimento sono gli ultimi che devono essere considerati, non i primi.

Annunci

4 thoughts on “Cosa NON fare con i soldi investiti per il futuro dei vostri figli

  1. Luca 14 settembre 2017 / 8:47

    Ben tornato ! 🙂 piu’ studio la finanza e piu’ mi rendo conto che il giornalismo e’ al servizio dell’industria finanziaria, non al nostro servizio, noi che vogliamo guadagnare. Secondo te chi l’avra’ scritto quell’articolo su MF ? Un super investitore che guadagna dai suoi investimenti ? O uno che avra’ letto qualcosina in giro qua e la’ ?

    Mi piace

    • archeowealth 14 settembre 2017 / 8:55

      Non mi piace fare critiche gratuite anche perché non conosco i giornalisti e la loro linea editoriale. Tutto sommato MF non è neanche malaccio.
      Penso però che questi articoli semplicemente non fanno bene alla diffusione di una buona educazione finanziaria.E questo è uno dei motivi per cui consiglio sempre di preferire un buon libro ai racconti finanziari dei giornali.

      Mi piace

  2. Anonimo 14 settembre 2017 / 20:42

    Buonasera, a 50 anni e soprattutto dopo aver da tempo seguito i suoi articoli (a mio parere molto trasparenti), mi rendo sempre più conto che siamo dei polli di allevamento da spennare, tutti, giornali economici, banche, per non parlare dei promotori finanziari pensano solo ed esclusivamente al proprio tornaconto, a me ad esempio la banca mi ha proposto un fondo di investimento col 4% di commissioni SOLO in ingresso…..ogni commento è superfluo
    Buona serata

    Mi piace

    • archeowealth 14 settembre 2017 / 21:08

      Non ho una visione così drastica della cosa. Ognuno esercita la sua professione cercando di avere un adeguato margine di guadagno per investire e prosperare. Anche a me non piace la malafede, ma conosco articolisti o consulenti finanziari che riescono ad unire l’inevitabile necessità di guadagnare con l’interesse del lettore/cliente. Certamente non tutto è uguale, ma credo anche che il grande pericolo per chi spenna i polli arriva da una realtà che forse conoscono poco, la rete. Internet è terreno fertile per bufale ed imbonitori vari, anzi a volte verrebbe voglia di staccare la spina vedendo come certi blog prosperano su notizie acchiappa click che attirano i lettori ingenui, ma è anche un terreno capace di trasmettere informazioni ed educazione. E quando questo succede per coloro che lavorano diversamente sono, come diceva il grande Lino Banfi, volatili per diabetici.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...