Mappa essenziale per raggiungere l’indipendenza finanziaria (replica)

Nel mese di agosto pubblichiamo gli articoli più cliccati dai nostri lettori nel corso degli ultimi 12 mesi. Buona lettura!

La decisione di investire denaro per tanto tempo è un esercizio particolarmente complesso proprio perchè la componente positiva di questo esercizio, ovvero la crescita del capitale generata dalla capitalizzazione composta degli interessi per effetto di rendimenti positivi, ha elevata probabilità di emergere dopo tanti, tantissimi anni.

Per questo è sempre opportuno mappare fin da subito quale tipo di esercizio ci aspetta. Pochi sono i dati che servono, qualche semplice nozione di matematica finanziaria ed un file di Excel.

Prendiamo il reddito da lavoro netto (ho preso un valore medio fisso di 30 mila Euro, ma per perfezionare l’esercizio consiglio di abbinare un tasso di crescita annuo allo stipendio), stimiamo un rendimento reale del nostro investimento (ho deciso di prendere il 3%), stabiliamo una scaletta di percentuali di quanto risparmieremo sul reddito e voilà, il gioco è fatto scalettato per un certo numero di anni di risparmio.

Il montante (lo ripeto è già in termini reali poichè cresce ad un tasso netto inflazione) come è ovvio cresce nel tempo. Risparmiate il 30% dello stipendio e dopo 35 anni sarete a metà strada per essere dei milionari.

Quello che però è forse più utile al fine della programmazione di uno stile di vita terminata l’attività lavorativa, è il numero di anni in termini di spese sostenibili che potremo avere a disposizione. Dividendo infatti il montante per lo stipendio annuo possiamo già capire come, risparmiando il 20% del nostro reddito, avremo copertura finanziaria per quasi 20 anni; risparmiando il 30% avremo a disposizione oltre 30 anni di spese.

I più esperti potranno trovare un elemento di criticità nel fatto che le spese future post pensione non tengono conto dell’inflazione e questo è assolutamente vero, ma esula dallo scopo “didattico” del post.

Abbiamo infatti voluto dimostrare come con pochi strumenti e nozioni finanziarie si può ottenere un’ottima simulazione per avere a disposizione, con una buona approssimazione, quale grado di indipendenza finanziaria raggiungeremo rispettando tutte le premesse iniziali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.