-10% sull’azionario, ed ora che si fa?

Ringrazio Ben Carlson per gli ottimi e tempestivi post presenti sul suo blog https://awealthofcommonsense.com sempre fonti di riflessione ed analisi.

La settimana scorsa Ben ha prontamente soddisfatto il desiderio dei suoi lettori incupiti dall’aver subito un calo del 10% in poche settimane sul valore dell’investimento azionario. Ovviamente nessuno ricorda il +250% dello S&P500 dai minimi del 2009 (con un rendimento annuo composto di quasi il 14%), ma va bene così la storia viene ricordata solo quando è negativa, almeno per gli investitori.

Adesso poi che il giochino “mi compro il Btp al 3% di rendimento e sono sicuro di quello che avrò ottenuto alla fine del mio percorso di investimento” impazza, è sempre più difficile convincere un investitore italiano (ed un consulente finanziario che cerca naturalmente la via più semplice per evitare il conflitto con il cliente) della bontà di un investimento azionario nel lungo periodo.

Proviamo in questa improba impresa con le statistiche estrapolate dal blog americano. Continua a leggere

Tre motivi per compiacersi di un mercato ribassista

Titolo un pò provocatorio, ma neanche tanto se ci conoscete. Uno dei post più letti del nostro blog è questo “Sei un giovane investitore? Allora spera in un bel crash di mercato” ed è per questo che abbiamo apprezzato un post sul sito MarketWatch.com di uno degli autori del celebre blog americano HumbleDollar.com, John Lim. In pratica John elenca 3 benefici di un bear market sui quali concordo pienamente.

Il primo è che una correzione nei prezzi del mercato azionario deve essere benvenuta da coloro che hanno un orizzonte temporale di investimento medio lungo.

Ottenere degli sconti su merci o servizi che acquistiamo ci fa sempre stare bene, perchè non è così anche per le azioni?

Ancora più strano è capire perchè la mente umana ha nell’immediato un godimento assoluto nell’acquisto di un bene spesso e volentieri deperibile e che perderà valore non appena usciamo dal centro commerciale o da una concessionaria di auto, mentre sta malissimo quando vede scendere il prezzo delle proprie azioni che solitamente si rivalutano nel corso del tempo. Continua a leggere

Metto subito la firma

Il titolo di questo post stava diventando meglio un uovo oggi o una gallina domani, ma poi mi sono ricordato di aver già scritto qualcosa con un titolo similare qui ed ecco che ho dovuto ripiegare su un titolo certo, un pò diverso, ma credo dalla capacità di rappresentare bene l’argomento che andiamo a trattare oggi.

Premetto che lo spunto di questo articolo arriva dal sempre ottimo blog di Michael Batnick – The Irrilevant Investors, ma ho cercato di adattarla alla realtà italiana per esprimere ancora una volta un grande tributo ad uno dei meccanismi più semplici ma meno pubblicizzati al mondo per far crescere la propria ricchezza, la capitalizzazione composta degli interessi.

Se chiedessi a qualcuno di scegliere tra 100 Euro oggi o 1000 Euro fra 30 anni sono abbastanza certo che 9 su 10 mi risponderebbero che preferiscono l’uovo da 100 Euro subito. Continua a leggere

L’Asset Allocation di ArcheoWealth (Terzo trimestre 2018)

Consueto aggiornamento trimestrale del portafoglio di Archeowealth partito ufficialmente, come i nostri lettori più affezionati ben sanno, a gennaio 2015 con una dotazione di 50 mila Euro.

La nostra volontà è quella di mostrare ai lettori che è possibile costruire portafogli efficienti anche con importi modesti. Realizzato tramite strumenti a replica passiva (ETF), il portafoglio cerca di comprimere al massimo uno dei pochi elementi conosciuti a priori durante un investimento, ovvero il costo. Tutto con la semplicità di pochi strumenti inseriti all’interno del portafoglio.

Alla fine del 2017 il capitale era pari a 58.600 Euro.

Al 31 marzo 2018 la discesa del capitale per effetto di mercati ballerini avava portato il valore a 57.200 Euro.

Al 30 giugno 2018 il ritorno sul valore di inizio anno.

Al 30 settembre 2018 siamo tornati leggermente sopra ai 59 mila Euro grazie ad una performance positiva dello 0.7% in questo 2018 difficilissimo. Dopo la correzione di questi primi giorni di ottobre la performance è stata completamente azzerata.

Tutto sommato un risultato neanche tanto deludente considerando l’annata. Stagnazione su tanti fronti con il mercato obbligazionario che su tutte le asset type non è stato in grado di fornire risultati positivi, mentre lato azionario l’anno positivo dell’America è controbilanciato dalla negatività marcata di Europa ed Emergenti. Continua a leggere

Istruzioni per costruire un Travel Plan

Finita l’estate mi ero ripromesso di rispondere con un primo post alle richieste di diversi lettori di come impostare un Travel Plan.

Per Travel Plan il sottoscritto intende la rinuncia di un consumo presente a favore della soddisfazione di un desiderio la cui realizzazione è prevista in un futuro più o meno lontano. In questo caso specifico il desiderio è  semplicemente un viaggio in giro per il mondo, in posti più o meno lontani.

Se si tratta di un viaggio in Italia o in Europa il meccanismo di accumulazione diventa più semplice anche perchè i costi sono facilmente stimabili in quanto non sono influenzati dall’andamento dei rapporti di cambio. Nella prossima puntata di questa serie vi spiegherò come impostare un Travel Plan low cost per viaggiare all’interno della zona Euro.

Oggi invece parliamo di come accantonare in modo efficiente e a basso costo il denaro utile ad effettuare viaggi in paesi dove la valuta è diversa dall’Euro.

Il fattore cambio non è certamente da trascurare quando si programma un viaggio in un certo luogo ; magari si stima una spesa di 1000 e poi 5 anni dopo ci si ritrova la valuta di quel luogo rivalutata del 20% o del 30% con un aggravio non indifferente rispetto al costo inizialmente stimato, una situazione ovviamente poco piacevole.

Al fattore valutario si aggiunge poi il fattore inflazione ad aumentare (in questo caso con un certo grado di certezza) l’esborso da sostenere per visitare un certo paese. Se l’inflazione americana ad esempio è al 2%, questo significa che se anche il rapporto di cambio EurUsd rimane stabile, fra 5 anni per pernottare in un albergo, o mangiare ad un fast food americano dovrò sostenere un esborso superiore del 10% rispetto a quello stimato oggi. Continua a leggere

Problemi di resistenza

Pubblicato nel mese di luglio il report SPIVA , documento dal quale si desume la cosiddetta “Persistance Scorecard”, ovvero quanti fondi collocati negli Stati Uniti sono riusciti a mantenersi nei quartili più alti in termini di performance battendo di fatto un investimento a replica passiva che come ben sappiamo altro non fa che cercare di copiare l’andamento di un indice.

Come scrive S&P Dow Jones Index che cura questo rapporto, il detto “le performance passate non sono un indicatore di quelle future” è assolutamente azzeccato.

Non voglio commentare con tante parole questo rapporto, credo che i numeri risulteranno per tanti di voi molto parlanti.

Dei fondi azionari che erano al top nel primo quartile nel 2014 (571), nel 2015 erano ancora sulla cresta dell’onda il 30.4%, diventati il 7.8% nel 2016, lo 0.18% nel 2018. Continua a leggere