Imprevedibile Futuro (replica)

Replichiamo un articolo dell’anno scorso che crediamo possa essere opportuno riprendere in un momento di mercato non esattamente tranquillo come quello attuale. Meglio non farsi prendere dallo scoramento e dal pessimismo perchè chi esce dalla porta di emergenza pensando ad un incendio, ma lasciando il portafoglio in sala, non sa che dentro c’è qualcuno che con calma sta raccogliendo tutti gli oggetti smarriti.

 

pacco

Quando decidiamo di investire, ad esempio 100 Euro, con un orizzonte temporale di 5, 10, 20 o 30 anni, creiamo nella nostra mente e nel nostro foglio di Excel un capitale ipotetico finale che potremo riscattare. Ma quali certezze abbiamo nel momento della simulazione iniziale?

Rendimento? No. Il tasso annuo composto di rendimento di un investimento (quello che spesso troverete scritto come Cagr) nessuno lo può garantire. Possiamo fare tutte le simulazioni che vogliamo, ma se non investiamo in un titolo a reddito fisso (e al lordo del rischio default), non possiamo avere la certezza del rendimento. Anche assumendo di sapere a priori quale sarà il valore medio del rendimento, la sua distribuzione nel tempo potrebbe variare alterando comunque il valore finale ipotizzato.

Inflazione? No. Se c’è una variabile imprevedibile quella è certamente rappresentata dal tasso di variazione dei prezzi al consumo fra n anni. Si possono fare stime medie di un 2% (obiettivo ad oggi della Bce), ma questo non significa che il valore finale medio sarà questo ed i tempi attuali lo dimostrano.

Tassazione? No. Certamente l’Italia da questo punto di vista non può essere considerato il paese più friendly per gli investitori. Pensiamo a chi stimava rendite tassate al 12.5% solo qualche anno fa e che ora deve fare i conti con il 26%.

Tempo? No. I fatti della vita possono costringerci ad allungare il periodo di risparmio (allungamento dell’età pensionabile, perdita del lavoro, necessità famigliari tanto per fare qualche esempio), oppure di accorciarlo per necessità impreviste che vanno ad attingere dal bacino di denaro finora accantonato.

Spesa? No. E’ giusto progettare un tasso di risparmio sulla base delle condizioni attuali, ma nella vita tutto può succedere andando ad incidere sulla nostra capacità di accantonare denaro. Salute, figli, casa e tanto altro rappresentano spese programmate che a volte possono superare le nostre attese costringendoci a spendere di più e risparmiare di meno.

Perchè ho voluto elencare questi cinque imprevedibili punti che l’ottimo Charles Ellis ha citato in uno dei suoi libri?

Perchè non esiste la ricetta perfetta per il piano di risparmio perfetto. Non esiste perchè ogni persona ha una sua storia, ogni famiglia vive una sua avventura. Come ogni piano di volo o di navigazione deve tenere conto di imprevisti come il meteo, i motori, il personale di bordo, i passeggeri, anche un piano di investimento deve muoversi in un ambiente instabile.

Non è tutto semplice, non è tutto lineare, ma se almeno proviamo fin dall’inizio ad impostare una serie di progetti potremo essere certi che qualcuno di questi andrà a buon fine come previsto. Se poi saranno tutti, bravissimi…se saranno solo alcuni bravi lo stesso.

Nessuno di noi può scegliere le condizioni di mercato per il futuro, semplicemente lo farà il mercato per noi.

Esserci però è fondamentale per sfruttare le opportunità che nasceranno. Non esserci significa precludersi fin da subito ogni possibilità di aumentare la nostra ricchezza.

Annunci

4 risposte a "Imprevedibile Futuro (replica)"

  1. Erreffe 25 ottobre 2018 / 23:14

    Vedo che l’oro sta reagendo al momento no delle borse, i bond come si stanno comportando? Lo so che una settimana non conta molto statisticamente, ma ti sta sorprendendo qualcosa (intermarket) a livello di (de)correlazioni? Grazie

    Mi piace

    • archeowealth 28 ottobre 2018 / 8:53

      Diciamo che in Europa la correlazione gira piuttosto bene con azioni giù, oro in Euro su, e Bund su. Purtroppo o per fortuna i margini sull’obbligazionario sono piuttosto risicati per via dei tassi sottozero, cmq il Bund è l’unico asset positivo in Europa da inizio anno.
      Per quello che riguarda l’America mi sorprende il scarso rafforzamento dei Treasury e tutto sommato la tenuta degli high yield. Credo però che questo sia da imputare ad una politica monetaria ancora impostata al rialzo. Non appena la FED mostrerà incertezza su questo fronte ecco che il decennale obbligazionario americano darà le sue soddisfazioni. E’ solo questione di tempo. Ovviamente a quel punto anche per il Dollaro la festa sarebbe finita e l’investimento Eur hedged sarebbe vincente. L’oro…bah sorvolerei servono tassi reali negativi e salvo inversioni di tendenza clamorose della Fed lo vedo ancora come un rischio remoto. Certamente un 3/4% contro i rischi di coda potrebbe starci a cambio aperto.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.