6 regole per diventare investitore disciplinati

Cina, Statue Di Buddha, Religione

Il consiglio arriva direttamente da Rick Ferri, uno degli advisor finanziari più famosi d’America ed autore del cosiddetto Four Core Portfolio.

Mantenere la disciplina in momenti di mercato alquanto incerti come quelli che stiamo vivendo non è facile.  Un articolo sul tema lo trovate qui.

L’emotività spinge a scelte non sempre razionali, ad iper attività con relativo aumento dei costi di trading, al rifiutare di investire per diversi mesi se non anni proprio quando i prezzi degli asset finanziari sono più interessanti. E questi errori non li fanno solo i piccoli risparmiatori, ma anche gli investitori istituzionali come dimostrano decine di studi al riguardo.

Rick Ferri ha definito 6 regole basilari per mantenere la disciplina finanziaria e di conseguenza rimanere focalizzati sugli obiettivi di medio e lungo periodo di un investimento.

Vediamole.

1) Avere una filosofia di investimento di lungo periodo. Ci sono sostanzialmente due filosofie di investimento nel mondo. La prima pensa di avere una elevata probabilità di battere il mercato, la seconda no. Siccome difficilmente abbiamo le competenze o gli uffici studi o anche solo “la mano calda” che certi professionisti del settore dicono di avere, forse è meglio seguire l’idea che il mercato nella maggior parte del tempo forma prezzi efficienti. Il rendimento che il mercato ci ritornerà sarà quello di qui abbiamo bisogno per raggiungere i nostri obiettivi.

Pedone, Pezzi Degli Scacchi, Strategia

2) Formare una asset allocation prudente basata sulla nostra filosofia di investimento. Visto che l’asset allocation è il come il portafoglio di investimento viene diversificato con i vari ingredienti finanziari; una prudente asset allocation deve essere basata necessariamente sugli obiettivi. Percentuali fisse sono da prefereire ad una flessibilità spinta legata alla volontà di catturare il timing di mercato. Percentuali che sono dipendenti da quanto “capitale” relativamente stabile vogliamo avere nel corso del tempo a fronte ovviamente di una rinuncia ad una fetta di potenziale rendimento.

3) L’asset allocation deve essere composta da asset class replicate con fondi o ETF low cost. Più riduciamo i costi più ci avvicineremo a ciò che il mercato retrocede agli investitori nel corso degli anni.

4) Mantenere il portafoglio di investimento stabile in tutte le condizioni di mercato. Il ribilanciamento è lo strumento ideale per ottenere questo risultato controllando il rischio.  Anche nuovi risparmi investiti sugli strumenti già presenti nel portafoglio contribuiscono all’ottenimento del risultato.

Clessidra, Orologio, Sabbia, Tempo

5) Non modificare l’asset allocation per effetto del rumore di breve periodo del mercato. Mantenere la barra dritta verso gli obiettivi di lungo periodo. Se i soldi non vi servono ora perchè cambiare la loro destinazione sulla base di scenari che ipotizziamo solamente e che non possiamo e non sappiamo prevedere?

6) Regolarità nell’investire denaro. Se anche il mercato registra delle turbolenze di breve periodo è un errore attendere o rimandare l’investimento di denaro che abbiamo disponibile. Ancora peggio stoppare un piano di accumulo. Anche se non è facile investire denaro in un contesto di mercato complicato non facciamoci distrarre e andiamo avanti senza paura.

Buon investimento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.