Uno sguardo sui mercati

Il 2019 si avvia alla conclusione con risultati a dir poco eccellenti.

Un indice azionario mondiale ha portato a casa oltre il 30% di guadagno. La borsa americana ha trascinato con un +35% sullo S&P500 ed addirittura +42% sul Nasdaq. L’Europa si allinea al +30% mentre i mercati emergenti si avviano a chiudere l’anno a +20%.

A livello settoriale la tecnologia ha incrementato mediamente il suo valore di mercato del 50%, l’energia è quella che ha banchettato meno degli altri con un rialzo di “solo” il 14%.

Nel mondo obbligazionario, nonostante il rialzo dei rendimenti sulla parte più lunga della curva, le performance sono state eccezionali. Il Corporate americano con scadenza oltre i 10 anni ha fatto registrare uno stellare +28%. Le obbligazioni governative europee con scadenze oltre i 25 anni hanno fatto +23%, gli inflation linked americani +22%. Tutta roba da azionario.

Una festa che segue la batosta del 2018 quando praticamente tutte le asset class avevano terminato l’anno in negativo.

Questa settimana ho quindi deciso di prendere le asset class presenti nel portafoglio di Archeowealth (che verrà pubblicato a breve con interessanti novità) e vedere a che punto stiamo del percorso. Per alcune di essere l’indice di replica non sarà lo stesso e per ognuna di esse è indicata la performance rolling a 3 anni

Msci World Azionario Mondiale

Europe Stoxx 600 – Azionario Europa

Msci Emerging Market – Azionario Emergente

Global Aggregate Bond Eur hedged – Obbligazionario mondiale cambio coperto

Bond Emergenti Embi Plus – Obbligazionario emergente

Stoxx Europe Real Estate – REIT

 

Global Inflation Bond – Obbligazionario mondiale inflation linked

Oro Euro

Ogni lettore deve considerarsi responsabile per i rischi dei propri investimenti e per l’uso che fa delle informazioni contenute in queste pagine. I consigli proposti hanno come unico scopo quello di fornire informazioni. Non sono, quindi, un’offerta o un invito a comprare o a vendere titoli.

 

 

 

 

3 risposte a "Uno sguardo sui mercati"

  1. Erreffe 27 dicembre 2019 / 15:36

    Non so se sto interpretando bene i grafici e l’analisi tecnica, ma le prospettive per Reits e soprattutto Gold non sembrerebbero così rosee.. Vero?

    "Mi piace"

    • geowealth 27 dicembre 2019 / 22:13

      Diciamo che i REIT europei per colpa della parte UK – Brexit pagano il loro ricco dividendo ma come prezzo non si muovono da 4 anni a questa parte. Questo nonostante tassi in calo. Se osserviamo il REIT ex UK il risultato sarebbe diverse. Diciamo pure che il compitino di tenere il passo dell’inflazione (quasi zero) con un premio per il rischio è stato mantenuto. Da verificare cosa succedere se e quanto i tassi saliranno. Mi sembra comunque una componente di reddito stabile da mantenere sempre in portafoglio e se guardiamo all’analisi tecnica il recente test della up trend line rialzista potrebbe preludere ad una ripartenza verso l’alto. Per quanto riguarda l’oro…personalmente sono bullish nel medio e lungo periodo. I massimi sono fatti per essere superati e sotto questo punto di visto il rialzo di questi giorni conferma come di denaro che entra ce n’è. Diciamo che tutte le commodity sono però da guardare con interesse…

      "Mi piace"

  2. Erreffe 27 dicembre 2019 / 23:20

    Molte grazie, gentilissimo 😉

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.