Banco di prova

Blackboard, Boys, Chalkboard, Children

  • I mercati azionari attualmente perdono poco meno del 20% rispetto ai massimi di febbraio. L’obbligazionario governativo e l’oro sono in guadagno. La strategia di un investimento bilanciato ha funzionato ancora una volta
  • Semplicità e diversificazione nella costruzione di un portafoglio di investimento pagano sempre, ma alcune componenti possono richiedere più tempo di altre per generare valore

Il 19 febbraio le borse mondiali hanno toccato il loro massimo storico. Da quel momento il mercato ha cominciato a scendere toccando un minimo il 23 marzo circa un 34% sotto il valore di febbraio. Poi il rimbalzo, tuttora in corso, in un clima di volatilità sempre molto forte. Se prendiamo l’indice Vix notiamo come lo stesso si posizionava a 15 a metà febbraio prima di toccare 80 a marzo e ridimensionarsi comunque sopra i 40 punti. Il mercato ci sta dicendo che si aspetta ancora volatilità nelle prossime settimane.

Ma hanno funzionato i cosiddetti cuscinetti ammortizzatori della caduta tipo obbligazioni e oro?

Vediamo di capire se è stato effettivamente così e, seppur con le armi sempre più spuntate, se il più classico dei bilanciati 50/50 ha ancora un senso.

Session, Science, Pictogram, Fatigue

Nella mia analisi ho cercato di prendere gli ETF di un’unica casa (ho scelto iShares) per comodità e soprattutto per avere a disposizione i prodotti più liquidi presenti sul mercato. Naturalmente qualche ETF può aver fatto meglio ma quello che mi interessa è il concetto di fondo, non la ricerca dello strumento migliore.

Dai massimi di febbraio un ETF che investe in azionario mondiale ha perso in Euro circa il 17%. Uno strumento obbligazionario globale governativo Eur hedged (quindi a cambio coperto) ha guadagnato il 2%, più o meno come la versione a cambio aperto.

Possiamo quindi dire che sì la diversificazione ha funzionato. Un portafoglio bilanciato 50/50 ha limitato i danni a -7,5% contro il -17% di un azionario puro (-17*0.5 + 2*0.5).

La semplicità premia nelle fasi più turbolente del mercato ed iperdiversificare serve a poco se non in rare occasioni.

Leggi anche: La Semplicità Premia

Finora infatti l’investimento azionario con scommesse geografiche non ha prodotto un risultato tanto diverso da quello mondiale, anzi tutt’altro. Se infatti borsa americana ed emergente perdono rispettivamente il 17% e il 18%, l’Europa fa solo un pò peggio con -21%.

Books, Read, Learn, Literature

Non è servito nemmeno andare su asset azionari alternativi come i REIT dove il bagno di sangue è stato anche peggiore con un calo dai massimi di quasi il 30%.

Non ci sono buone nuove nemmeno dall’obbligazionario meno tradizionale. I corporate bond europei hanno perso poco meno del 4% dai massimi, gli high yield bond del vecchio continente oltre il 10%. Peggio è andata ai bond emergenti con un calo del 15%.

Leggi anche: Obbligazioni High Yield, il peggio dell’azionario sommato al peggio dell’obbligazionario

Andando sulle commodity il disastro è stato assoluto. Del resto nelle fasi che portano alla recessione economica le materie prime tendono a perdere per poi recuperare (come l’obbligazionario a spread citato prima)  nelle fasi di ripresa economica. La perdita del 20% dell’ETF Invesco Bloomberg Commodity Index conferma l’enorme volatilità di un asset oltrettutto privo di remunerazione. C’è però una materia prima che ha confermato la sua capacità di essere difensiva in fasi come quelle appena vissute di recente ed è l’oro. Il metallo giallo a cambio aperto è stato in grado infatti di ritornare in questo arco di tempo un ritorno superiore al 4%.

Ad un primo sommario bilancio potremmo quindi dire che un portafoglio bilanciato molto basico e semplice costituito da azionario ed obbligazionario mondiale ha fatto il suo dovere anche stavolta.

Effettivamente è così e questo spiega anche perché l’articolo che abbiamo pubblicato qui va bene per quasi tutte le stagioni e per quasi tutti gli importi.

Perché dico quasi? Perché la storia non necessariamente si ripete negli stessi termini e con i tassi a zero non possiamo essere sicuri che in una prossima fase di tensione sui mercati finanziari azionario ed obbligazionario prenderanno la stessa direzione.

Dico quasi anche in relazione al capitale investito. Se in questa fase il valore aggiunto di diversificare su qualcosa di diverso dal generalista è poco percepito, nel medio lungo periodo (e soprattutto nei periodi di calma e ripresa economica) avere i piedi dentro qualche scarpa in più porterà certamente un contributo addizionale al rendimento di portafoglio.  Parlo di REIT, piuttosto che strumenti obbligazionari a spread o anche materie prime.

Ricordiamo sempre che, anche investendo in soli strumenti a replica passiva come gli ETF, al beta ottenuto con questi tasselli aggiungiamo sempre un alfa non dei gestori, ma della nostra allocation tra asset.

Più deviamo da un percorso semplice più le opportunità e naturlamente i rischi aumentano.

Leggi anche: Quanto posso rischiare sui miei investimenti?

7 risposte a "Banco di prova"

  1. Denis 4 maggio 2020 / 17:58

    confermi questi due ETF Vanguard FTSE All World ACC e Global Aggregate Bond UCITS ETF EUR Hedged Accumulating ?

    "Mi piace"

  2. danilo 4 maggio 2020 / 23:58

    Sarebbe molto gradito se ci parlasse di un portafoglio meno basic……
    Grazie in anticipo.

    "Mi piace"

  3. enrico 5 maggio 2020 / 7:13

    Sul 2° se non erro ho visto una capitalizzazione di 44 ml/eur (dichiarato da JustEtf ) . Non e’ bassa ? Rischia il delisting un etf cosi’ in ottica pluriennale ? Domando , grazie .

    "Mi piace"

    • archeowealth 5 maggio 2020 / 22:32

      Preferisco sempre strumenti con almeno 100 m di capitalizzazione. Per Vanguard potremmo fare un’eccezione perchè è appena partito. Però esistono alternative più capitalizzate e si può puntare su quelle tranquillamente

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.