Come si risparmia con il metodo 52-week Challenge

Calendario, Calendario Da Parete, Giorni

Uno dei metodi di risparmio del denaro più tradizionali ed efficace da sempre è quello del piano di accumulo. Ogni mese 100 € vengono prelevati automaticamente dal nostro conto e dirottati su investimenti più o meno rischiosi.

Questo metodo di investimento progressivo ha il grande vantaggio di permettere anche a coloro che hanno redditi modesti di accantonare piccole somme mese dopo mese, un comportamento che nel lungo periodo sarà in grado di generare capitali molto interessanti.

Dall’America arrivano però anche altri metodi alternativi di accumulo che possono rendere più”digeribile” il modo in cui si mettono da parte piccole porzioni di risparmio.

Uno di questi metodi è il cosiddetto 52 Week Challenge.

Calendario, Icone, Icone Del Calendario

Leggi anche: Piano di Accumulo (PAC), una soluzione di Investimento buona per tutte le stagioni

Alcuni di voi avranno già sentito parlare di questo metodo viste le pubblicazioni su diversi siti anche italiani. Altri però non l’hanno neanche sentito nominare e mi sembra giusto riprendere il tema.

Siccome risparmiare sempre la stessa quantità di denaro può essere difficile da sostenere in un anno intero questo metodo cerca di cambiare l’approccio. Si parte piano, si arriva di slancio.

Ma come funziona il metedo 52 Week Challenge?

La prima settimana dell’anno (la settimana 1) si risparmia 1 €.

Leggi anche: Ottenere 1 Trilione di Euro partendo con 1 Euro

La settimana successiva accantoniamo 2€, poi 3 € in quella dopo ancora e via così fino all’ultima settimana dell’anno in cui si dovranno mettere da parte 52€. Il risultato finale sarà di un risparmio complessivo di 1378€. Con un Pac ordinario da 100€ per mese il capitale alla fine del primo anno sarebbe stato di 1200 €.

Calendario, Data, Tempo, Mese, Settimana

Naturalmente questo metodo ha il pro di partire piano con un risparmio di appena 10€ a gennaio e finire forte con 202 € a dicembre.

Ma se lo stesso metodo lo applicassimo al contrario?

Solitamente nei primi mesi dell’anno la nostra motivazione a risparmiare è massima.

Saranno i buoni propositi di Capodanno, saranno le spese folli natalizie, ma se nella prima settimana di gennaio risparmiamo 52€, nella seconda 51€, nella terza 50€ e nella quarta 49€ ecco che i 202€ saranno messi in cassaforte fin da subito.

A quel punto mese dopo mese risparmieremo sempre meno fino all’ultima settimana di dicembre in cui basterà una moneta da 1€ per chiudere l’anno con 1378€ di risparmio

Leggi anche: 9 Euro risparmiati al giorno per 65 anni (forse) vi renderanno milionari

Ok, non vi piace neanche questo metodo?

Allora fate semplicemente questo. Ogni settimana prendete dal vostro portafoglio banconote ( e monetine) per 26,50€. Alla fine dell’anno avrete a disposizione sempre i 1378€.

I pro di questo metodo 52 Week Challenge sono naturalmente rappresentati dalla metodologia che prevede uno sforzo più intenso concentrato alla fine o all’inizio e puramente simbolico sempre all’inizio o alla fine.

Il contro è rappresentato dal fatto che questo metodo può essere utile se prendiamo i soldi e li  mettiamo in un salvadanaio. Per chi invece volesse investire questi denari è ovviamente sconsigliabile farlo settimana dopo settimana, ma anche ogni mese. Meglio attendere il raggiungimento di un gruzzoletto consistente (diciamo dai 200 € in su) per poi investire e rendere meno impattanti le commissioni di negoziazione che andremo a pagare per l’acquisto dello strumento finanziario.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.