Come il percorso di studio influenza la nostra futura retribuzione

Diploma, Laurea, Contratto, Arrotolato

Prosegue la nostra collaborazione con il blog  Guidaglinvestimenti e dopo l’articolo del mese scorso a tema pensioni, questa volta andiamo a studiare da vicino il mondo dell’istruzione e le potenzialità (o le difficoltà) che certe scelte scolastiche fatte da giovani possono avere sulla nostra vita futura. Guidaglinvestimenti è un blog di investimenti e crescita personale scritto da Francesco e Marta  per condividere esperienze e “allenarsi” insieme ai propri lettori alla crescita costante. Buona lettura!

Fare la scelta giusta per quanto riguarda il percorso di studi può avere delle ripercussioni sul tipo di vita che affronteremo nel proseguio. In quest’articolo ho cercato di capire numericamente quanto pesa questa scelta. Ciò può essere una curiosità per chi già è nel mondo del lavoro o un aiuto per chi è in procinto di scegliere quale Università o percorso di studi intraprendere.

Dai report di Job Pricing abbiamo una overview di quanto incide in termini di stipendio il livello di studi che decidiamo di conseguire.

Come impatta il livello di studi

Interessante notare, dal grafico in basso, che il salto più grande lo si osserva tra laurea triennale e master di I livello/laurea magistrale. Coloro, infatti, che decidono di fermarsi dopo 3 anni di università guadagnano in media 10,000 euro in meno di coloro che decidono di proseguire nel percorso di studi.

Stipendio medio al variare del livello di istruzione

Volendo, invece, dividere tutta la popolazione in 2 categorie vediamo che la differenza di salario tra laureati e non è di circa 12,000 euro annui.

RAL medio Laureati vs Non Laureati

A tal proposito, per i laureati alcune scelte diventano sempre più importanti in ottica pensione ad esempio: conviene riscattare la laurea? Il termine laureato, però, è molto generico.

Impatto delle diverse facoltà

Per questo motivo, proviamo a capire quali sono le opportunità che ci vengono proposte a livello d’impiego suddividendo l‘Università in macro aree.

In questo caso, ho mediato i dati provenienti da un report di Almalaurea e riportato lo scostamento rispetto a tale media. I dati si riferiscono a stipendio medio e occupazione dopo 5 anni dal conseguimento del titolo di studio.

L’analisi mostra, come ci si poteva aspettare, che dottori, ingegneri e laureati in materie scientifiche (come Matematica e Fisica) hanno un livello medio di occupazione e stipendio più alto della media.

Viceversa, insegnanti, psicologi e laureati in lettere sono posizionati nella parte negativa del grafico. Sono quelli, cioè, che hanno più difficoltà a trovare lavoro e comunque pagati meno.

Confronto tra stipendi relativi a diversi indirizzi

 

Andando ancora più nel dettaglio, escludendo le facoltà a ciclo unico, vediamo che le facoltà che garantiscono maggiore ritorno sono quelle di:
– Ingegneria Gestionale
– Ingegneria Chimica e dei Materiali
– Scienze statistiche
– Ingegneria Industriale

Analisi sugli stipendi medi di diverse facoltà

 

A questo punto mi sono chiesto:

Scelta l’area di studio, esistono differenze tra Università?

O meglio, a pari facoltà frequentare un’università piuttosto che un’altra da possibilità lavorative differenti?

Quale università quindi dovrei scegliere?

Anche in questo caso ho mediato i dati per avere un’immagine più chiara. Purtroppo JobPricing, all’interno del proprio report, non fa riferimento a tutte le Università, vi riporto qui le 40 analizzate.

Ne segue che le migliori 5 Università per retribuzione successiva sono:
– Università Commerciale Luigi Bocconi
– LUISS Libera università int. degli studi sociali Guido Carli
– Politecnico di Milano
– Università Cattolica del Sacro Cuore
– Politecnico di Torino

Metre le 5 peggiori risultano essere le Univeristà di:
– Calabria
– Cagliari
– Messina
– Napoli Parthenope
– Firenze

Retribuzione dopo aver frequentato diverse Università

 

Va sottolineato che le Università sopra citate non sono raggruppate per facoltà. Sono raggruppati, infatti, sia Politecnici che Università generiche caratterizzate da materie scientifiche e umanistiche.

La media sopra mostrata va quindi vista con occhio critico: abbiamo visto sopra che gli ingegneri sono la categoria che ha mediamente uno stipendio più elevato.
Andando ad analizzare i dati si nota, inoltre, come le Università situate all’interno di un tessuto lavorativo forte sono anche quelle che danno maggiori ritorni economici.
Anche a parità di città, scegliere un’Università piuttosto che un’altra può portare a delle differenze.

Confronto tra Università della stessa città

I grafici che seguono, invece, hanno lo scopo di mostrare quali sono le Università che garantiscono una carriera maggiore, in termini di posizione (dirigente, quadro e impiegato)…

Carriera post Universitaria

.. e in termini di crescita di stipendio dai 25-34 anni ai 45-54 anni.

Crescita di stipendio post Universitario

Quali sono i vantaggi di fare un MBA?

Spesso mi sono chiesto se valesse la pena fare un MBA. Per chi vuole dare una spinta alla propria carriera questo è sempre stato ritenuto un passaggio fondamentale.

Proviamo, al solito, a dare dei numeri per quantificare questa decisione usando dei dati di TOP MBA.

Sono andato a vedere i dati relativi a quelli che sono ritenuti i migliori Full time MBA d’Europa. A questi ho aggiunto gli unici italiani in lista.

Si può notare che il placement a 3 mesi dalla fine dei vari Master è oltre l’80%. Andrebbe investigato nel dettaglio il perchè l’Insead (ritenuto il miglior MBA d’Europa) risulti essere quello con minor percentuale di placement tra quelli riportati.

Confronto tra MBA Europei

Da notore, inoltre, l’etereogenità degli stipendi ottenuti subito dopo il conseguimento del Master.

Volendo rimanere in Italia abbiamo che il Full MBA della Bocconi, con una fee di circa il 45% più alta dei 3, restituisce in media il 35% in più di stipendio rispetto alla media.

Confronto MBA Italia

Un articolo di Forbes, infine, mette in relazione diversi MBA in termini di:
– Stipendi prima e dopo MBA
– Quanto è aumentato il salario dopo MBA
– Anni necessari a ripagare il costo del Master

Confronto tra MBA Internazionali

 

In conclusione

Usando i dati sugli stipendi medi relativi alle persone che hanno conseguito determinati titoli di studio sono andato a calcolarmi un break even molto semplificato.

Sono andato cioè a calcolarmi il punto di pareggio tra gli integrali delle RAL considerando le diverse età con cui si entra nel mondo del lavoro.

Break Even considerando vari percorsi di studio

Da questo calcolo semplificato emerge che:
– La laurea triennale è poco conveniente rispetto a un Diploma di media superiore
– Il break even tra diploma di media superiore e laurea magistrale avviene mediamente dopo i 45 anni.

A tal proposito, Job Pricing fa un esercizio molto simile per darci un ulteriore input relativo al problema di quale università scegliere. Ci mostra, infatti, una tabella che indica quanti anni occorrono a un laureato per pareggiare gli introiti di un non laureato considerando che quest’ultimo inizia a lavorare 5 anni prima.
Vengono cioè considerati i seguenti parametri:
– Retribuzione media del profilo laureato in uno specifico ateneo
– Retribuzione a parità di età di un profilo non laureato

Lo fa attraverso un parametro detto U_P_I : University Payback Index.

University Payback Index

 

 

5 risposte a "Come il percorso di studio influenza la nostra futura retribuzione"

  1. Stefano 15 ottobre 2020 / 10:04

    Bellissimo articolo!
    Mi permetto di dire che però il 4′ grafico (“Analisi sugli stipendi medi di diverse facoltà”) non sia corretto per quanto riguarda le lauree in Ing. Informatica.
    Sono figure molto ricercate e dove la richiesta supera di gran lunga l’offerta. Facile arrivare a stipendi netti di 30.000€ netti a 40 anni.

    "Mi piace"

  2. Anonimo 15 ottobre 2020 / 11:07

    Sarebbe possibile linkare le immagini ad un formato a risoluzione superiore? Sul mio computer sono pressoché illeggibili. Grazie!

    "Mi piace"

  3. Anonimo 18 ottobre 2020 / 8:25

    Ciao,
    come sempre i Vs articoli sono ben fatti e ricchi di contenuti che possono aiutare i genitori nella scelta del percorso di studi per i figli. Volevo fare questa considerazione, nella azienda in cui lavoro effettivamente i “bocconiani” sono praticamente i più pagati (anche degli ingegneri), detto questo e parlando con uno di questi dirigenti/colleghi mi é apparso subito evidente che non a tutti è concesso un percorso di questo tipo per i costi decisamente altini per un normale esponente del ceto medio.
    Quindi o noi genitori “medi” partiamo da subito (cioè dalla nascita dei ns figli) ad accantonare dei risparmi (tra università e master almeno 100.000€) anno per anno o come sempre l’accesso a questa prestigiosa università sarà privilegio dei più agitati.
    Ciao

    "Mi piace"

    • archeowealth 18 ottobre 2020 / 12:29

      In questo caso il merito va agli amici di Guidaglinvestimenti. Le tue considerazioni sul risparmio sono assolutaente giuste e se vorrai seguirci ancora per qualche mese credo che avremo una bella sorpresa proprio su questo argomento

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.