Perchè non è mai una buona idea seguire i consigli finanziari degli influencer

Mockup, Schermo, Smartphone, Sito Web

Con l’esplosione dei social i cosiddetti “endorsements” finanziari da parte di personaggi pubblici sono sempre più numerosi.

Il marketing finanziario a sua volta utilizza massicciamente volti noti abbinandoli a progetti di educazione finanziaria o alla promozione di prodotti o servizi che sempre con i nostri soldi hanno a che fare.

Ma un conto è fare il testimonial, un conto è sfruttare la propria immagine per dare consigli finanziari al grande pubblico influenzandone i comportamenti. Il caso di Elon Musk e di alcune criptovalute da lui sostenute (e poi abbandonate perchè inquinanti) è solo la punta dell’iceberg di un fenomeno che TikTok, Instagram, Twitter, Reddit, ecc… stanno amplificando facendo sempre più breccia negli investitori più giovani.

Gli esiti purtroppo possono anche essere devastanti e proprio le criptovalute sono un esempio lampante di quello che potrebbe succedere seguendo le indicazioni di chi non ha certamente interessi allineati ai nostri.

In questo articolo spero capirete che utilizzare gli influencer della rete come nostri personali consulenti finanziari non è mai una buona idea.

Continua a leggere

Perchè i giovani investitori sono avversi al rischio

Corsi, Parti, Forex, Analisi, Grafico

Sei giovane e ti puoi permettere di investire con una dose di rischio più elevata. Stai per andare in pensione (o ci sei già) ed è meglio se cominci ad investire in un maniera più conservativa.

Quante voglie vi siete sentiti dire questa frase da un consulente oppure l’avete letto su blog come questo?

Tante, ne sono sicuro. Per chi è alla ricerca di un punto fermo su come investire i propri soldi questo macro concetto potrebbe essere un porto sicuro verso il quale convergere. In realtà diverse volte abbiamo scritto che, pur essendo vero in linea di principio, questo assunto deve essere sempre contestualizzato.

Oltre a questo l’impressione che ha sempre avuto il vostro blogger è che questi concetti sono molto più facili da dire che da realizzare. Un interessante studio inglese pubblicato nei mesi scorsi ci dice anche perché.

Lo studio è quello dei ricercatori del Pensions Institute of Case Business School di Londra e potete scaricalrlo gratuitamente qui. Ringrazio il sempre ottimo blog di Joachim Klement per la segnalazione.

L’analisi statistica fatta su circa 4 mila inglesi ha fatto emergere un primo concetto chiave.

Non è vero che il dolore di una perdita è sempre doppio rispetto alla gioia di un guadagno. Dipende. Continua a leggere

Con azioni e obbligazioni 1 volta su 4 va male

Tastiera, Successo, Sventura, Sconfitta

La rete offre sempre spunti molto interessanti sia per chi è alle prime armi con il mondo degli investimenti, sia per chi vanta già una certa esperienza e in teoria pensa di poter rispondere alla domanda come investire nel modo migliore senza grandi problemi.

Ho trovato per esempio questa pagina sul sito americano di Vanguard che ritengo molto utile e da tenere sempre a portata di click.

Pagina fresca fresca di aggiornamento con i dati del 2020 che offre uno spaccato storico molto profondo (parliamo di 95 anni) di 9 asset allocation differenti caratterizzate da un peso azionario crescente.

Rendimenti medi annui, anni migliori e peggiori e numero di anni chiusi in perdita. Sappiamo che il passato non rifletterà quasi certamente il prossimo futuro, ma aiuta a capire cosa significa investire in un modo piuttosto che un altro.

La prima sorpresa arriva da un investimento 100% obbligazionario.

Continua a leggere

Investire dalla A alla Z

Alfabeto, Abc, Lettera, Imparare

A come Azioni. Assieme alle obbligazioni lo strumento di investimento per eccellenza per raggiungere un obiettivo finanziario facendo crescere il capitale. E’ sicuro investire in azioni?

B come Bias comportamentali. Quando facciamo delle scelte in finanza non sempre usiamo la razionalità. Bias cognitivi ed emozionali influenzano il nostro comportamento e le nostre scelte. Non sempre ciò che esce è la scelta migliore per il nostro benessere finanziario. Finanza Comportamentale

C come Capitalizzazione composta degli interessi. Meccanismo silenzioso che macina ricchezza al nostro posto trasformando piccole somme di denaro in grandi ricchezze. L’ottava Meraviglia del Mondo, un Luogo che Ogni Giovane Dovrebbe Vedere

D come Diversificazione. Uno dei meccanismi più semplici ed efficaci per ridurre e gestire il rischio di un investimento. Vi spiego con un gioco perchè conviene diversificare

E come ETF. Lo strumento ideale per investire spendendo poco in un paniere molto ampio di strumenti finanziari. Perchè investo in ETF

F come Fondo pensione. Il secondo pilastro del benessere finanziario quando il ritiro dal mondo del lavoro sarà  un fatto compiuto.  Diario di un papà investitore. Perchè regalerei un fondo pensione ad ogni bambino

G come Globale. L’investimento in azioni e/o di obbligazioni deve sempre uscire dal recinto di casa sfruttando le opportunità di business presenti su scala mondiale. Quel Difetto chiamato Home Bias

H come financial Health. Ovvero salute o benessere finanziario, ciò al quale ognuno di noi dovrebbe ambire prima o poi nel corso della vita. Aceto balsamico, parmigiano e investimenti finanziari

I come Inflazione.  Il mangiatore (o meglio sarebbe dire la mangiatrice) di soldi è un nemico che erode i rendimenti futuri degli investimenti e il potere d’acquisto dei nostri risparmi. Il mangiatore di soldi

L come Libri. L’educazione finanziaria e lo studio della materia finanza personale e investimenti sono fondamentali per investire con buon senso e profitto. Libri consigliati

M come Montante finale. Ovvero la somma di denaro che ci siamo dati come obiettivo da raggiungere per soddisfare i nostri desideri. Per 1 Milione di Euro

N come Noia. La sensazione che deve trasmettere l’investimento dei nostri risparmi per essere efficacie ed efficiente. Un portafoglio in ETF per vivere di rendita

O come Obiettivo di investimento. Imprescindibile componente di un piano di investimento. Obiettivo diventare Milionari

P come Piano di Accumulo. Il mezzo per costruire senza fretta, giorno dopo giorno durante il ciclo di vita, una storia finanziaria di successo. Piano di Accumulo (PAC), una soluzione di Investimento buona per tutte le stagioni

Q come Qualità. Quella dei prodotti scelti, del consulente finanziario che ci affianca, delle fonti di informazione dalle quali attingiamo notizie e idee. I Migliori Consulenti Finanziari del Vostro Risparmio

R come Rischio. L’ingrediente necessario per aumentare le prospettive di redditività degli investimenti ma anche il veleno che può distruggere i nostri progetti se preso in dosi eccessive. La campana del rischio – rendimento

S come Spese dei prodotti finanziari. Uno degli elementi più certi e controllabili tra i nemici dei nostri investimenti. Quanto del Vostro Rendimento si Perde in Costi

T come Tassazione. Altro nemico degli investimenti da incontrare il più tardi e con il minor impatto possibile. Fiscalità, una Zavorra Poco Considerata

U come Utile. Quello finanziario degli investimenti, quello emotivo del benessere che ricaveremo in futuro dal denaro risparmiato. L’impatto dei guadagni

V come Vivere di rendita. Il sogno di ognuno di noi che può essere raggiunto solo con sacrificio, umiltà, buon senso, tempo e ovviamente tanto denaro risparmiato Vivere di Rendita

Z come Z generation. Il nostro futuro sul quale scommettere pesantemente. Nuove generazioni, nuovi stili di vita

La rivoluzione blockchain #4 – Gli Smart Contract

Il nostro super specialista ha deciso di completare con altre due puntate la mini serie dedicata a quella che sembra essere una vera e propria rivoluzione. La tecnologia Blockchain. Alcuni troveranno forse un pò troppo tecnico l’articolo, ma la materia non è semplice ed il nostro autore ha cercato di semplificare i concetti anche con alcuni esempi pratici. Buona lettura.

Blockchain, Tecnologia, Digitale, Rete

Nell’articolo precedente abbiamo introdotto il concetto di NFT, descrivendo come possa essere utilizzato, ad esempio nel mondo dell’arte, per garantire l’unicità di una creazione digitale e poterne consentire il trasferimento della proprietà.

In questo articolo approfondiremo invece cosa succede “dietro le quinte”, cioè come funziona la “coniazione” di un NFT (in italiano“mintare”, dall’inglese “to mint”, “coniare”) e, una volta compreso il funzionamento, dovrebbe essere probabilmente più chiaro anche il potenziale degli NFT e gli scopi per cui potranno essere utilizzati in futuro.

Per comprendere i principi di funzionamento degli NFT, è necessario innanzitutto introdurre brevemente la blockchain di Ethereum, descrivendo le differenze principali da quella di Bitcoin. Gli NFT vengono infatti generalmente mintati proprio sulla blockchain di Ethereum.

Continua a leggere

ETF tematici, servono veramente all’investitore medio?

Sostenibilità, Energia, Globo

Questo blog (erroneamente) viene considerato pro ETF e contro fondi di investimento. Non è così e, chi avrà voglia di farlo, potrà verificare la presenza negli archivi polverosi di articoli dove è chiaramente indicato che investire in ETF non sempre è la scelta migliore. O meglio investire in certi ETF non sempre è la scelta migliore.

La cosiddetta democratizzazione degli investimenti è un fenomeno che è stato proprio associato alla diffusione sul mercato di fondi passivi e ETF. I piccoli e medi investitori tramite questi veicoli hanno ottenuto il privilegio di poter investire i propri risparmi alla pari degli investitori istituzionali. Ma ovviamente il mondo del risparmio gestito vive di utili ed allora il marketing finanziario cosa ha tirato fuori dal suo cilindro? Gli ETF super specializzati e tematici.

Ovviamente sono pronto a subire le critiche di chi dirà che da questo blog non escono idee di investimento super redditizie e che troppo spesso critichiamo certe tipologie di prodotti. Partendo dal presupposto che per investire con buon senso bastano pochissimi strumenti dalla struttura semplice e spiegabile alla classica casalinga di Voghera, lasciamo il giudizio finale a voi lettori. Il tentativo è comunque sempre quello di dimostrare le nostre tesi con elementi pratici o ancora meglio con ricerche scientifiche. E nelle scorse settimane è uscita una ricerca della Ohio University nella quale è stato dimostrato come gli ETF tematici non sono proprio la scelta più di buon senso per un investitore. Continua a leggere