Come investire i primi 10 mila euro

L’aspetto positivo di partecipare alle discussioni di Reddit sul tema finanza personale (a proposito chi vuole seguirci ci trova qui come u/Investbuonsenso ) è quello di poter avere un posto privilegiato per osservare le richieste degli utenti che vanno per la maggiore.

Essendo un’ambiente frequentato prevalentemente dalle nuove generazioni i quesiti sono in buona parte indirizzati verso il tema come investire piccole cifre, diciamo dai 5 ai 10 mila euro.

Piccole cifre per chi ha già maturato un capitale importante, ma grandi cifre per chi ha appena cominciato il lungo viaggio da investitore. Sono i primi mattoni di una casa che si spera possa diventare con il tempo solida, ricca e fortunata. Giustamente il frutto dei sacrifici deve essere protetto e coccolato.

Le risposte che leggo su Reddit si spaccano sostanzialmente in due. Metti da parte l’intero capitale come scorta di sicurezza. Oppure, sei giovane e quindi investi tutto in un bel ETF di Vanguard azionario.

Concettualmente sono corrette entrambe ma all’atto pratico, a mio modo di vedere, sono sbagliate entrambe perché manca un’appendice necessaria.

Cercherò di spiegarmi meglio con un esempio.

Per arrivare al ragionamento finale ho preso i rendimenti annuali di un indice azionario mondiale comprensivo dei dividendi degli ultimi 20 anni. Il 5,2% di rendimento annuo composto dall’indice è naturalmente al lordo di tasse ma anche di costi che per un ETF potremmo stimare nell’ordine di 0,2%.

Leggi anche: Come costruire un portafoglio di ETF spendendo meno di 20 centesimi

Ma in questo esempio facciamo finta che il rendimento dell’indice ritorni tutto all’investitore.

Non considero nemmeno l’inflazione per equiparare l’analisi con quella del capitale non investito.

Detto che negli ultimi 20 anni il rendimento annuo è stato del 5,2% ho spaccato in due le decadi. Dal 2000 al 2010 il rendimento annuo composto è stato negativo di 0,7% (ebbene sì anche in borsa possono passare 10 anni senza guadagnare soldi, non ve l’avevano detto?). Dal 2010 al 2020 chi è rimasto investito ha ottenuto uno spettacolare +11,5% annuo composto.

Leggi anche: I mercati azionari NON sempre salgono nel lungo periodo

Nella tabella che vedete di seguito ho quindi ipotizzato un investimento 100% azionario con tre tipologie di rendimento. Si passa da un risultato che potremmo considerare realistico di 16.601 € accumulati in 10 anni ad uno esaltante che triplica il valore a quasi 30.000 €, fino ad un deprimente 9.321 € che riduce il capitale iniziale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lump-vs-pac-1.gif

Ovviamente nessuno ha idea di cosa succederà sui mercati azionari nei prossimi 10 anni, ma teniamo sempre presente che azioni uguale opportunità che fa anche rima con volatilità. Per questo sconsiglio ad un ragazzo (o ragazza) che ha 10 mila euro e null’altro come unico risparmio di investire il denaro completamente sul mercato azionario fin da subito.

Ma come e il lungo periodo? E l’investire fin da subito che ci hai raccontato in tutti questi anni?

Leggi anche: Risparmiate fin da Subito e con Buon Senso…Vi Conviene!

Avete ragione, ma tutto va contestualizzato.

Al lungo periodo ci dovete arrivare. Se poi nel breve periodo avete un imprevisto cosa potrebbe succedere? Se quei soldi vi servono per acquistare l’auto o per sposarvi senza che tutto ciò fosse stato preventivato?

Prudenza non significa investire in obbligazioni a rendimento zero (o sottozero). Significa utilizzare il buon senso ed investire solamente quando ci sono le condizioni minime per farlo. Safety first dicono gli americani. Prima di tutto stiamo coperti dico io.

Non dimentichiamoci mai che negli ultimi 20 anni tra le performance dell’azionario globale abbiamo vissuto anche due cali annui del 32% e del 37%. Pensate a cosa potrebbe succedere al vostro capitale se questo accadesse domani. E pensate anche se per caso dopodomani avrete bisogno di tutti e dico tutti, quei maledetti 10 mila euro.

Leggi anche: Quanto tempo ci metterò a risparmiare i miei primi 100 mila Euro? Vivere di rendita #11

A questo punto della storia entrano in gioco i conservatori che dicono. Mettere tutto sul conto corrente (o per gli amanti del genere in conti depositi allo zero virgola netto fisco) per le emergenze e non pensiamoci più. Corretto ma anche qui sappiamo che fra 10 anni 10 mila sono e 10 mila rimarranno. E non considero il potere erosivo dell’inflazione. Non mi pare molto saggio.

Penso che ci possa essere una soluzione che unisce la conservazione del capitale come scorta di sicurezza alla sua crescita sui mercati finanziari. Soluzione che non richiede neanche grandi sforzi. Anzi richiede solo un piccolo sforzo aggiuntivo e si chiama risparmio. Risparmio minimo di anche soli 50 € al mese che in un anno diventano 600 €.

Leggi anche: Bastano 50 Euro al Mese

Non cominciate a borbottare che anche per un ragazzo risparmiare 50 € al mese è un’utopia.

Basta tagliare le spese inutili. Volete qualche esempio. Considerando che 50 € sono 12,5 € alla settimana, rinunciare al jeans costoso a favore di uno più economico, a qualche aperitivo di troppo, al fumo che fa male, a qualche giro inutile in auto per una più sana passeggiata, alla scarpa di moda, e potrei andare avanti ancora tranquilli. Le spese non necessarie sono ovunque a qualunque età. Basta solo aver voglia di metterle in discussione.

Leggi anche: Demotivare per Risparmiare

Poco più di 10 € alla settimana tutti quanti riusciamo a strapparli alle grinfie del consumismo sfrenato.

Bene, con questi soldini abbiamo due opzioni. Alimentiamo il nostro conto corrente con 600 € all’anno, oppure li investiamo tenendoci le spalle coperte con i 10 mila € sul conto corrente. Ipotizzando di investire sul mercato azionario con un rendimento medio annuale del 5,2% il capitale crescerebbe fino a quasi 17.800 €, 1.800 in più rispetto alla scelta di rimanere passivi sul conto.

Ora guardiamo i tre scenari precedenti. Cosa notate?

Che lo scenario 1 e 3 vengono battuti dallo scenario 5 con lo scenario 4 che quasi eguaglia lo scenario 1. Attenzione però. Mentre nel 4 e 5 abbiamo mantenuto 10 mila € fin da subito al sicuro su un conto corrente, nello scenario 1 e 3 li abbiamo completamente esposti al rischio dei mercati. Poteva andare meglio come nello scenario 2, ma poteva andare peggio. Con un piccolo sacrificio da 12,5 € la settimana abbiamo unito alla sicurezza la crescita del capitale.

Leggi anche: 9 Euro risparmiati al giorno per 65 anni (forse) vi renderanno milionari

Qualcuno adesso dirà, ma grazie Archeo negli scenari 4 e 5 mi hai costretto a risparmiare altro denaro. Potevo farlo anche nello scenario 1 e ottenere un risultato ancora più consistente. Vero con un piccolo particolare. Nello scenario 1 ogni giorno siete sull’ottovolante dei mercati. Nel 4 e 5 assolutamente no, o meglio una parte è al calduccio riparata dalla volatilità.

Provate a pensare adesso cosa può significare risparmiare 100 o 200 € in più ogni mese. Tutti i tempi si accorciano, andrete ad investire sui mercati prima e con cifre più alte. Il tutto con un ombrello protettivo sempre aperto che vi farà dormire sonni tranquilli.

3 risposte a "Come investire i primi 10 mila euro"

  1. Andrea 21 giugno 2021 / 10:21

    In linea generale sono d’accordo con l’articolo esposto, anche io leggo gli articoli di giovani investitori, degli altri forum di discussione, che si gettano “sul tutto azionario” oppure sul Lifestrategy 80 con la prospettiva che sul lungo, o lunghissimo periodo, vengano massimizzati i frutti dell’investimento.Mah, forse potrei essere d’accordo anche con loro se hanno ponderato bene la loro scelta di rischio. Consideriamo anche, a parte l’inflazione, che lasciare i soldi sul c/c devi considerare l’imposta di bollo dello -0.2% e, forse, i probabili tassi negativi. La propensione al rischio e la scelta dell’investimento sul lungo periodo dipende anche dagli scenari lavorativi che si hanno: se sei un giovane lavoratore precario tuttofare, oppure sei un lavoratore che hai una alta specializzazione che, nell’ipotesi di perdere il lavoro, ne troveresti subito un’altro. Ciò ti garantirebbe una continuità lavorativa da permetterti un investimento un pò più rischioso. Le caratteristiche di ogni giovane investitore sono talmente vaste che è difficile trovare un profilo di investimento comune.

    "Mi piace"

    • archeowealth 21 giugno 2021 / 10:33

      Sul conto corrente non c’è l’imposta di bollo dello 0,2% applicata invece sui prodotti finanziari.Sul cc solo un importo fisso sopra i 5000 EUR di 34.2 EUR.
      Vbn

      "Mi piace"

    • aeco1 30 giugno 2021 / 14:11

      va sempre tutto fatto su misura, come da un sarto. Nessuna scelta è la golden rule se non fa il caso tuo.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.