L’ascensore per l’indipendenza finanziaria

Ascensore, Persone, Verso Il Basso

Nelle ultime settimane è stato installato un ascensore all’interno della palazzina dove abito. Non certo un impianto gigante, qualche piano e nulla più, ma la sua costruzione mi ha fatto pensare che in fondo non c’è molta differenza tra installare ex novo un ascensore e pianificare ex novo un investimento finanziario.

Prima di installare un ascensore all’interno di una casa già costruita da tempo serve infatti il parere di un esperto che possa progettare il lavoro. Le scale vanno ridimensionate per far passare la cabina. Il taglio delle scale richiede precisione e soprattutto elevate competenze progettuali.

Prima di partire con i lavori vanno richieste le obbligatorie autorizzazioni comunali, ma prima ancora è opportuno chiedere più di un preventivo di spesa per capire quale sarà l’impegno finanziario. Un catalogo sarà utile per comprendere costi ed estetica del prodotto.

Compiuta la scelta (compresi gli optional) e definita la cifra, andremo a fare anche due calcoli sul vantaggio fiscale che in un certo arco temporale ci riconoscerà lo Stato per l’opera di ristrutturazione edilizia.

Accettata la proposta partono i lavori. La ditta incaricata di installare l’ascensore acquisterà il materiale e nel frattempo comincerà i lavori preparatori. Misure e taglio delle scale. A seguire costruzione della fossa che fungerà da base di appoggio della cabina. Installazione dell’armatura esterna, dei vetri, dell’impianto elettrico, delle funi di traino e sicurezza ed infine della cabina.

A quel punto partono i collaudi e finalmente, con il pagamento dell’ultima rata, potremo utilizzare il nostro ascensore per salire in cima. Obiettivo raggiunto

Adesso vi chiederete cosa tutto questo può servire a chi vuole investire del denaro. Continua a leggere