Crowdfunding immobiliare, arrivano i primi interessi da Housers

Dopo i post Costruire una rendita con il crowdfunding immobiliare e crowdfunding immobiliare, partirò con Housers da Lisbona,  doveroso aggiornamento sul mio percorso di investimento nel mondo immobiliare.

Prima di mostrare il mio “modesto” (almeno per ora) portafoglio, una breve recensione su Housers che ho “stressato” in queste ultime settimane.

Del servizio clienti rapido ed efficiente avevo già parlato nei post precedenti, ma qualche dubbio l’avevo sull’accredito puntuale degli interessi mensili e sul riscatto di capitale.

Per quest’ultimo caso la mia richiesta simbolica di riscatto da 50 Euro è stata molto veloce ed in tre giorni i soldi erano sul conto corrente che avevo indicato in fase di iscrizione. La procedura di riscatto è di una banalità sconvolgente. Bene così.

L’altro aspetto sul quale avevo qualche perplessità era legato all’accredito degli interessi. Ed invece Housers ha rispettato le scadenze in modo puntuale.  Per le proprietà in mio possesso ad inizio mese è arrivato il primo accredito sul conto Housers e mi aspetto che lo stesso accadrà anche il mese prossimo. Continua a leggere

Annunci

Crowdfunding immobiliare, partirò con Housers da Lisbona

Come promesso nel post di ieri Costruire una rendita con il crowdfunding immobiliare voglio cercare di approfondire nell’articolo odierno le mie prime impressioni circa due piattaforme di crowdfunding immobiliare, l’inglese Property Partner e la spagnola Housers (per la quale forse è meglio di parlare di social lending).

Premetto che sono ancora nella fase iniziale dell’investimento,  mi sono iscritto alle piattaforme ed ho caricato con denaro reale il mio wallet, ovvero il borsellino nel quale, tramite carta di credito o bonifico bancario, si possono accreditare (o prelevare) i fondi.

Per quello che riguarda Housers il sito internet è ben fatto (a parte qualche difetto di traduzione) ed anche in italiano. La società è spagnola e la piattaforma è autorizzata dalla Consob iberica. Per Property Partner invece il sito è tutto in inglese ed anche qui abbiamo l’autorizzazione della Financial Conduct Authority britannica.

Voglio sgomberare subito il campo da un elemento critico. Queste piattaforme sono sì sottoposte agli obblighi di vigilanza, ma solamente per l’attività di “propositori” di opportunità commerciali. Tutto deve essere fatto nel rispetto delle regole, ma se l’attività immobiliare nella quale si investe va male il rischio è tutto a carico dell’investitore e l’intermediario non ha responsabilità.

Di fatto quello che fa ad esempio Housers, è costruire una vetrina immobiliare che raccoglie denaro per permettere agli investitori di acquistare quote di società che investono in immobili di Spagna, Portogallo e Italia.

Continua a leggere

La Rendita di un Affitto Immobiliare nel 2014

In un precedente articolo avevamo evidenziato come negli ultimi 20 anni l’immobile acquistato a puro scopo di investimento non è risultato in Italia il miglior affare possibile tenendo a malapena il passo dell’inflazione. Quell’analisi era però viziata da una carenza quella di non includere nello studio i ricavi da affitto e i costi da manutenzione e tassazione.

italy

Volutamente era stata fatta quella scelta poiché la nostra idea era quella di smentire coloro che considerano la casa come un mezzo di investimento più sicuro e redditizio di altri asset finanziari e destinato a rivalutarsi nel tempo più di altri investimenti.
Per chi invece non vuole considerare la casa come investimento di possesso (quindi senza vederlo occupato da altre persone) alla stregua dell’oro (anch’esso senza flussi cedolari), su segnalazione di un nostro lettore vi invitiamo a visitare il sito del Sole 24 ore dove di recente è stato pubblicato un articolo molto interessante sul rendimento del mattone nel 2014 tenendo conto anche del fattore costi-ricavi (affitti).
Quali i punti salienti di questo rapporto condotto secondo dei parametri fonte Nomisma? Continua a leggere