L’Asset Allocation di ArcheoWealth (Secondo trimestre 2018)

Consueto aggiornamento trimestrale del portafoglio di Archeowealth partito ufficialmente, come i nostri lettori più affezionati ben sanno, a gennaio 2015 con una dotazione di 50 mila Euro.

La nostra volontà è quella di mostrare ai lettori che è possibile costruire portafogli efficienti anche con importi modesti. Realizzato tramite strumenti a replica passiva (ETF), il portafoglio cerca di comprimere al massimo uno dei pochi elementi conosciuti a priori durante un investimento, ovvero il costo. Tutto con la semplicità di pochi strumenti inseriti all’interno del portafoglio.

Alla fine del 2017 il capitale era pari a 58.600 Euro.

Al 31 marzo 2018 la discesa del capitale per effetto di mercati ballerini avava portato il valore a 57.200 Euro.

Al 30 giugno 2018 il ritorno sul valore di inizio anno.

Annata difficile lo sapevamo e che solo grazie al contenimento dei costi generato dall’utilizzo di strumenti a replica passiva (ETF con TER medio di 0,24%), rimane a galla attorno alla linea dello zero in termini di performance. Ovviamente capite da soli come avere un portafoglio di investimento con un costo medio superiore anche solo del 1% avrebbe eroso il capitale di un importo pari a quasi 600 Euro all’anno.

Sappiamo bene che il mercato non cresce in linea retta, ma alterna momenti di crescita a periodi più o meno prolungati di lateralità/correzione. Questo è uno di quei momenti.

Continua a leggere

Annunci

Protetto: L’asset allocation di Archeowealth (aggiornamento secondo trimestre 2016)

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: