Semplici Idee per Determinare le Vostre Attese di Rendimento

John Bogle , il fondatore di una delle più importanti case di gestione al mondo (Vanguard) nonché l’autore di una delle pietre miliari dell’editoria finanziaria (The Little Book of Common Sense Investing: The Only Way to Guarantee Your Fair Share of Stock Market Returns) ha di recente formulato la sua aspettativa di rendimento per i prossimi dieci anni sia del mercato azionario che del mercato obbligazionario. Ma di questo ne abbiamo già parlato; quello che però trovo interessante è il modo in cui Bogle ha creato queste stime di lungo periodo.
Nelle previsioni appaiono infatti due numeri. Il 3% è il rendimento atteso nominale per i bond, il 6% quello per l’azionario. Continua a leggere

Annunci

Se Compro Adesso Azioni Quali Prospettive Ho?

Complesso ma interessante articolo su come utilizzare le valutazioni dei mercati azionari per formulare attese di rendimento future. L’autore è il sempre ottimo Michael Kitces che ringrazio per avermi concesso l’utilizzo dei sui grafici sul nostro blog.

Kitches conferma (se mai ce ne fosse bisogno) l’assoluta inutilità dei fondamentali nel fare timing sul mercato (per quello c’è l’analisi tecnica), mentre con qualche distinguo valutazioni come il CAPE di Shiller possono essere molto utili quando si formano piani di investimento.

Il primo concetto chiave è che i rendimenti nominali hanno una correlazione inversa con le valutazioni espresse dal CAPE (più alte sono le valutazioni, più bassi i rendimenti attesi), correlazione che trova però il suo picco attorno ai 10 anni per poi scemare velocemente fino a diventare insignificante a 30 anni di distanza. Continua a leggere

Mappa Futura dei Rendimenti

Prima di essere inondati dalle solite previsioni 2016 da parte degli analisti finanziari di tutto il mondo, mi sembra interessante mettere in evidenza un bel grafico pubblicato su questo sito canadese.
L’autore dell’articolo ha fatto una cosa molto semplice (che  poi sono sempre le migliori).
Sull’asse verticale sono stati messi i rapporti prezzo-utili espressi dal Cape di Shiller, mentre sull’asse orizzontale troviamo i rendimenti del titolo di stato americano a 10 anni, tutto questo dal 1881 al 2015. Il colore dei pallini esprime i rendimenti a distanza di 10 anni ottenuti su un portafoglio 60/40 in versione total return.
Il rosso intenso esprime i rendimenti decennali futuri più bassi, il verde scuro quelli futuri più alti. I triangoli neri esprimono i rendimenti futuri che usciranno dalla finestra di dati partita nel 2006 e di cui non disponiamo ovviamente dei dati effettivi. Allo stato attuale possiamo stimare un rendimento azionario nell’ordine del 6% annuo per la prossima decade a fronte di un rendimento obbligazionario di poco superiore al 2%.

shiller tbond Continua a leggere

Semplici Idee per Determinare le Vostre Attese di Rendimento

John Bogle , il fondatore di una delle più importanti case di gestione al mondo (Vanguard) nonché l’autore di una delle pietre miliari dell’editoria finanziaria (The Little Book of Common Sense Investing: The Only Way to Guarantee Your Fair Share of Stock Market Returns) ha di recente formulato la sua aspettativa di rendimento per i prossimi dieci anni sia del mercato azionario che del mercato obbligazionario. Ma di questo ne abbiamo già parlato; quello che però trovo interessante è il modo in cui Bogle ha creato queste stime di lungo periodo.
Nelle previsioni appaiono infatti due numeri. Il 3% è il rendimento atteso nominale per i bond, il 6% quello per l’azionario. Continua a leggere