Dai Bill Non Ti Preoccupare

maxresdefault

Il 17 aprile Bill Gross con un tweet indicava il Bund tedesco come lo “short della vita”  convinto che rendimenti così bassi non sarebbero mai più stati toccati dal decennale tedesco, da quel momento destinato solo a risalire. Sarà anche lo short di una vita ma se Bill non è stato rapido ad uscire da quel trade i “margin call” stanno nelle ultime settimane massacrando la sua scommessa; capita quando si tira la monetina con troppo pubblico che ti osserva. Continua a leggere

L’eterna Voglia di Stupire

Interessante (come sempre) articolo di Eric D.Nelson sul blog Servowealth.com. Eric prende le “profezie” di Bill Gross come punto di partenza nella solita annosa discussione se investire vuole dire buttare denaro sul mercato senza intervenire mai, oppure mirare al massimo obiettivo cercando il market timing giusto.

servo
Come sempre la verità sta nel mezzo, ma è molto interessante notare come dei guru si tende sempre a ricordare le imprese memorabili, quello con il botto per intendersi, dimenticando i numerosi e piccoli errori previsionali che negli anni inevitabilmente hanno costellato la carriera di strategist come Bill Gross.

L’eterna voglia di stupire di queste persone alla fine rischia di diventare un boomergang quando la fortuna smette di fornire un contributo positivo.

Continua a leggere

Conversando (per finta) con Bill Gross

Qualche giorno fa il celebre gestore di fondi Bill Gross (ex Pimco ora Janus) ha indicato agli investitori come scelta migliore di portafoglio in questo momento di mercato quella di andare cash vendendo azioni.

Di quello che penso della liquidità intesa come investimento ne abbiamo già parlato qui, ma credo che sia molto facile fare dichiarazioni di questo tipo che fanno presa tra i piccoli risparmiatori quando, dall’inizio dell’anno, il rendimento della liquidità compete con quello di un investimento bond ed in alcuni casi supera quello di un investimento azionario. Giusto per fare un esempio un classico indice Cash Euro ha reso da inizio anno lo 0,45% contro un Bund tedesco che ha reso lo 0,10%. Va meglio per le azioni europee (+3%) ma non per un indice mondiale di azioni (-6%).
Bill Gross non è nuovo a sparate di un certo “rumore” come quella di maggio 2015. Continua a leggere