Quanto del Vostro Rendimento si Perde in Costi

In diversi post abbiamo citato il controllo dei costi come un fattore determinante nel vostro risultato finale di investimento. Siccome penso che le immagini valgono più di mille parole voglio mostrarvi cosa succede al vostro investimento se, a fronte di un rendimento medio annuo del 5% su diverse scale temporali, applicate un costo medio del 1,5%. Continua a leggere

Punto di Pareggio

Nei giorni scorsi State Street ha deciso di tagliare le commissioni di gestione su 41 dei 145 ETF collocati sul mercato americano con il marchio SPDR presente anche in Italia.
La nuova dimensione nella quale siamo entrati, soprattutto nel mondo obbligazionario dove i rendimenti di mercato non coprono più i costi di molti prodotti a gestione attiva (ma anche passiva), ha costretto la società americana a ridurre le commissioni su un quarto della gamma.

COST
In base ai dati di Bloomberg, il rendimento medio a scadenza di un indice governativo globale è del 0,90% lordo con una duration di circa 7,5. Lo stesso indice globale ma costituito da emissioni societarie invesment grade ha attualmente un rendimento a scadenza del 2,2% lordo con duration di 6,6.
Interessante notare come State Street non ha solo tagliato i costi degli ETF obbligazionari in percentuali comprese tra il 20% e il 50%, ma anche le commissioni di diversi prodotti azionari che in alcuni casi hanno raggiunto, dopo la riduzione, un “Expense Ratio” di 0,15%. (vedi lista completa)
Il taglio più importante è stata attuato su uno degli ETF Continua a leggere

L’investimento Attivo è un Gioco a Somma Zero? No Peggio…

Quando ogni giorno aprono le contrattazioni sui mercati mondiali ci sono operatori che acquistano ed altri che vendono, una vorticosa giostra di scambi che ovviamente si chiude con vincitori e vinti. Il risultato finale (prendiamo ad esempio la variazione percentuale di un indice azionario) è sintetizzato in una variazione positiva o negativa per coloro che hanno scelto di investire sull’indice stesso.

zero1
Chi avrà scelto semplicemente di replicare quell’indice non si troverà nient’altro che un risultato analogo (depurato da commissioni di trading e di gestione se è stato utilizzato un ETF). Chi invece ha deciso di gestire attivamente quella giornata tramite attività di compravendita potrà ottenere un risultato migliore o peggiore dell’indice.
Se alla sera c’è un vincente inevitabilmente ci sarà anche un perdente. In parole molto semplici, la gestione attiva è un gioco a somma zero, anzi peggio di zero ma di questo parleremo dopo.

Un risparmiatore quando ha del denaro da investire ha tre scelte. Continua a leggere

Di quanto devono Sovraperformare ogni anno i Fondi per essere più Convenienti degli ETF?

Ho ricevuto diversi commenti, in alcuni casi anche critici, relativamente all’articolo “Come farsi regalare un auto dal vostro Piano di Investimento”.
La critica principale che mi è stata mossa è quella di non aver considerato nei vari calcoli comparativi la capacità di un fondo a gestione attiva di sovraperformare in modo consistente il benchamrk.

Clipboard03

Non nego che esistono fior di gestori capaci di muoversi bene sul mercato, ma intanto dovrete avere la fortuna di selezionarli e di fare ciò nel periodo giusto. Le tante statistiche che ogni anno vengono pubblicate mostrano infatti non che i gestori sono incapaci, ma che fanno fatica a ripetere con continuità e nel lungo periodo performance sempre superiori al benchmark (senza considerare la possibilità che il gestore possa abbandonare quel fondo in cui voi investite).
Sono i costi la principale zavorra dei fondi nel lungo periodo e nel confronto con gli ETF. Essendo poi il mercato finanziario frequentato ogni giorno da soggetti che vincono a fronte dello stesso numero di soggetti che perdono, faccio fatica a pensare che l’investitore è capace di saltare ogni anno sul cavallo vincente.
Ma supponiamo che i critici hanno ragione e che i fondi siano in grado di creare valore all’investimento superando costantemente ogni anno il benchmark. Ma di quanto devono farlo per rendere accettabili i maggiori costi sostenuti nell’investimentonei fondi stessi?
Ho provato a fare diverse simulazioni ed ecco il risultato. Continua a leggere