Conoscere il proprio nemico

L’inflazione è uno dei peggiori nemici dell’investitore (rendimento nominale vs rendimento reale), ma anche dello Stato esattore fiscale. Ora vi spiego perché, ma perdonatemi se virtualmente sorrido ogni volta che sento dire (anche a presunti esperti del settore finanziario), che gli attuali tassi di interesse impediscono qualsiasi forma di investimento sul mercato obbligazionario perché non redditizi. Redditizi per chi?

Ma andiamo con ordine, l’esempio è tanto semplice quanto concreto. Se investo in un’obbligazione al prezzo di 100 e cedola nominale del 4% ottengo per l’appunto un rendimento del 4%. Lo Stato mi chiede, all’atto di riscossione della cedola, il 12,5% se abbiamo investito in titolo di Stato o sovranazionale, il 26% se trattasi di bond corporate.

Quindi lo 0,50% nella migliore delle ipotesi va in tasse riducendo il mio rendimento nominale a 3,5%. Se al termine del primo anno l’inflazione risultasse del 4% noi investitori dovremmo restituire tutto il guadagno (3,50%) più 50 punti base (0,50%) visto che il mio potere d’acquisto si sarebbe ridotto dello 0,50%.

Alla fine della partita investitore -0,50%, Stato +0,50%. Continua a leggere

Annunci

Il Marketing Finanziario si Scatena anche sugli ETF

Il marketing finanziario non ha mai lavorato così intensamente ed in modo creativo come negli ultimi anni. Con obbligazioni ai rendimenti più bassi di sempre ed azioni sui massimi storici diventa sempre più complicato convincere gli investitori ad investire nei prodotti gestiti con aspettative di rendimento medio basse pagando fior di commissioni.
E allora ecco il fiorire di nuovi fondi (o fondi esistenti con cambio nome) che vedono tra le loro intestazioni le seguenti parole: Continua a leggere