Il Solito Luogo Comune, Tassi Bassi = Azioni in Rialzo

Uno dei luoghi comuni finanziari che più sento o leggo in questo momento storico è quello dell’associazione tassi bassi = azionario che non può scendere per assenza di concorrenza in termini di redditività dell’investimento. Usando parole molto gentili questa è una castroneria bella e buona ed è la stessa storia dei mercati americani a dimostrarcelo.
Come abbiamo già scritto qui i tassi americani a 10 anni fecero registrare per un buon ventennio, tra il 1935 e il 1955, rendimenti a scadenza sistematicamente inferiori al 3%.
Come si può vedere dai due grafici seguenti a questo rendimento nominale positivo non corrispose un analogo andamento in termini reali con frequenti escursioni sotto la linea dello zero che bruciarono potere d’acquisto ai possessori di bond. Continua a leggere

Borse Tempestose

Molto spesso si sentono citare le crisi geopolitiche come fonti di instabilità dei mercati dimenticandosi che negli ultimi 30 anni abbiamo avuto almeno 10 serie crisi in grado di destabilizzare i mercati. Se qualcuno ha gridato al lupo al lupo ci deve anche stato chi in passato ha approfittato di momenti difficili per rimpinguare il proprio portafoglio di investimento.

crisi
Nella tabella successiva ho elencato le 10 principali crisi che si sono presentate sui mercati a partire dal Black Monday del 1987. A fianco dell’evento la chiusura percentuale dello S&P500 nell’anno dell’evento e l’anno successivo.

crisi1Come si vede i numeri “rossi” sono relativamente pochi; parliamo di 6 chiusure negative su 20 con una punta massima del -36,5% nel 2008. La peggior botta si registro nel 2000-2001 quando lo scoppio della bolla internet provocò 3 anni consecutivi di calo.
Alla luce dei risultati che vediamo nella tabella successiva Continua a leggere