Prima o poi Risparmiate!

In un articolo di un mese fa apparso qui, un asset manager di Wells Fargo indicò in 26 dollari la settimana il risparmio che avrebbe consentito ad un Millennials di diventare milionario.

Ne abbiamo già parlato qui e qui, ma sarebbe sempre opportuno andare nel dettaglio dei numeri per spiegare meglio dei concetti che appaiono parecchio esoterici.

Detta così un giovanissimo “credulone” accantona il minimo indispensabile (ovvero i famosi 26 Dollari la settimana) per poi ritrovarsi a 60, 65 o 70 anni con cosa? Nessuna certezza, questo è sicuro. Quel numero magico 1 milione di Euro è stato generato con un ipotesi di rendimento che immagino assomiglino molto al 8,73%  annuo che ho ottenuto per deduzione.

1

Dopo 50 anni di investimento (quindi se avete 20 anni e versate 1.352 Dollari o Euro all’anno) disporrete di 1 milione di Euro. Ma siamo sicuri che l’8,7% non è un numero un po’ troppo ambizioso alla luce dei rendimenti di bond e delle valutazioni delle azioni attuali? Questo numero andrebbe poi decurtato da inflazione e tasse, ed ecco che nel giorno magico in cui andrò a scartare il pacco la sorpresa sarà amara. Continua a leggere

I Piani di Investimento devono essere SMART

Quando si  formulano piani di investimento di lungo periodo i tassi di sopravvivenza di questi programmi sono molto bassi. I motivi sono tanti, ma la cosa più difficile è quella di resistere alla tentazione di attingere dai risparmi per togliersi qualche sfizio oppure di vendere quando si guadagnano tanti soldi o ancora vendere quando si entra in panico per effetto del sangue che corre sulle strade dei mercati finanziari.

Gli americani dicono che per avere un buon piano di investimento bisogna che questo sia SMART, significato che però non è quello che pensate.

smartCome ben sintetizzato da questa immagine estratta dal sito Kitces.com un piano deve essere specifico, misurabile, raggiungibile, rilevante e con una scadenza certa. Continua a leggere

Per 1 Milione di Euro

Libro consigliato per l’estate: Shiller – Akerlof: Ci prendono per fessi. L’economia della manipolazione e del’inganno

Nel post Obiettivo…diventare Milionari avevamo già visto cosa bisogna fare per raggiungere questo obiettivo. Non è impossibile, ma ci vogliono un mix di fortuna e capacità professionale a cui abbinare una gestione delle proprie ricchezze oculata e di buon senso. Serve fortuna nel durante della propria carriera lavorativa, ma serve fortuna anche negli investimenti, inutile negarlo. Nulla è garantito (anche comprando un titolo obbligazionario  a 30 anni con cedola non sapete quante “realmente” otterrete visto che l’inflazione futura è sconosciuta) e la storia non necessariamente indica la strada futura. Continua a leggere

Quando il Rischio diventa Obbligatorio

I tempi cambiano e forse anche l’industria del risparmio gestito (soprattutto quella che ruota attorno ai fondi pensione/assicurazioni) dovrà cambiare mentalità, questo appare inevitabile alla luce dei recenti andamenti dei mercati finanziari.

Le promesse fatte negli anni passati in termini di rendimento atteso (o garantito) per centrare determinati obiettivi di rendita nella fase post lavorativa in cui si potranno godere i frutti dell’accumulazione precedente, difficilmente potranno essere mantenute. Anche assumendosi più rischi appare veramente dura rispettare “promesse” che i fondi pensione americani quantificano ancora in percentuali di rendimento del 7/8% annuo. Ovviamente la stima di rendimento è un qualcosa di soggettivo, ma poi deve essere rispettata. Quando ci si accorge che erano solo promesse il tempo è scaduto, game over. Continua a leggere

Ignoranti Finanziari

eduL’Italia è fanalino di coda nell’educazione finanziaria come emerge da uno studio del  Global Financial Lyieracy Excellence Center al recente Salone del Risparmio .

Alcuni punti sono veramente incredibili. Intanto abbiamo un livello di alfabetizzazione finanziaria pari al 37% sul totale della popolazione, numeri da paesi emergenti. Un classico segnale (l’ennesimo) del tempo perso da istituzioni pubbliche e private a trastullarsi in questi anni su altre cose. Ancora più incredibile il fatto che sono i giovani e gli anziani ad avere le minori conoscenze. Capisco la terza età, non capisco affatto la prima, quella digitalizzata, quella secondo Draghi con il tasso di alfabetizzazione più alto di sempre. Evidentemente non è così in materia finanziaria.

E qui entriamo nel primo vero punto critico. Quanto è voluto questo analfabetismo finanziario? E’ veramente tutto frutto del caso o delle crisi economica e di valori? Continua a leggere

I Piani di Investimento devono essere SMART

Quando si  formulano piani di investimento di lungo periodo i tassi di sopravvivenza di questi programmi sono molto bassi. I motivi sono tanti, ma la cosa più difficile è quella di resistere alla tentazione di attingere dai risparmi per togliersi qualche sfizio oppure di vendere quando si guadagnano tanti soldi o ancora vendere quando si entra in panico per effetto del sangue che corre sulle strade dei mercati finanziari.

Gli americani dicono che per avere un buon piano di investimento bisogna che questo sia SMART, significato che però non è quello che pensate.

smartCome ben sintetizzato da questa immagine estratta dal sito Kitces.com un piano deve essere specifico, misurabile, raggiungibile, rilevante e con una scadenza certa. Continua a leggere

Per 1 Milione di Euro

Nel post Obiettivo…diventare Milionari avevamo già visto cosa bisogna fare per raggiungere questo obiettivo. Non è impossibile, ma ci vogliono un mix di fortuna e capacità professionale a cui abbinare una gestione delle proprie ricchezze oculata e di buon senso. Serve fortuna nel durante della propria carriera lavorativa, ma serve fortuna anche negli investimenti, inutile negarlo. Nulla è garantito (anche comprando un titolo obbligazionario  a 30 anni con cedola non sapete quante “realmente” otterrete visto che l’inflazione futura è sconosciuta) e la storia non necessariamente indica la strada futura. Continua a leggere

Tempo a Disposizione

Quando vengono presentati i rendimenti annui del mercato azionario americano la reazione classica di un qualsiasi investitore è quella di trovarsi di fronte ad un casinò dai risultati assolutamente casuali.

distribuzione rendimentiNon si fatica a comprendere questa sensazione anche perché, nonostante un maggior numero di punti al di sopra della linea dello zero, quando si investono soldi le perdite sono più dolorose dei guadagni.
Se però gli stessi numeri li mettiamo in forma tabellare già la prospettiva cambia. Continua a leggere

Obiettivo…diventare Milionari

millionUno dei sogni ricorrenti che almeno una volta nella vita entra nella mente di una persona è quello di diventare milionario. A volte la fortuna ci viene incontro con eredità, altre volte la strada è più impervia e irta di ostacoli richiedendo rinunce e sacrifici. Come in tutti i viaggi non bisognerebbe mai partire alla cieca, il rischio è quello di avere brutte sorprese.
Soprattutto quando i viaggi vengono programmati in terre lontane e poco conosciute è buona abitudine almeno comprarsi una mappa e stilare un itinerario. Si determinano i luoghi che desideriamo visitare (gli obiettivi) e di conseguenza strada+auto per raggiungerli nel più breve tempo possibile possibilmente senza rischi (percorso+strumenti). Continua a leggere