Ogni tendenza nasce da un cambiamento

trend

Da poco ho terminato la lettura del libro di Darrell Huff Mentire con le statistiche e tra i tanti ragionamenti di buon senso che l’autore appunta sul suo libro, uno in particolare ha trovato la mia assoluta condivisione. Fidarsi ciecamente delle proiezioni statistiche  significa molto spesso convincersi che possa esistere una tendenza senza cambiamento.

Cerco di spiegare meglio il concetto.

Oggi ancora più di allora (Duff scrisse il libro di statistica più venduto al mondo nel 1954), siamo inondati da proiezioni statistiche che tendono a mostrarci il futuro sulla base dell’andamento del passato.

Lo vediamo continuamente, dalle previsioni dei risultati elettorali, fino a questioni “secolari” sulla demografia o la crescita economica.

Ho notato nell’ultimo lustro un impressionante aumento della produzione di outlook o analisi di mercato da parte delle più importanti società di ricerca finanziarie nei quali si cerca di spiegare l’impatto che deflazione tecnologica o crescita zero della demografia o ancora dell’avvento della robotica nel mondo del lavoro, avranno sul futuro degli investimenti finanziari. Continua a leggere

Annunci

Rendimento chiama Rendimento

yield

Prezioso articolo di Michael Batnick sul blog The Irrilevant Investor che va ad arricchire il filone dedicato a quella che Einstein definì l’ottava meraviglia del mondo, ovvero la capitalizzazione composta degli interessi. Ho ricevuto diverse osservazioni in passato sui numeri che vengono utilizzati per creare un’affascinante curva che sale in modo sempre più parabolico verso l’alto con il passare del tempo.

C’è chi dice che è impossibile simulare ad esempio un 6% di rendimento in ogni annata per i prossimi 30 anni. C’è chi dice che certi livelli di rendimento sono troppo elevati alla luce delle valutazioni attuali e sostanzialmente impossibili da raggiungere. Tutto giusto e discutubile, ma qui noi non vogliamo promettere per non mantenere, vogliamo spiegare per capire progettando il futuro con buon senso.

Il grafico riportato sul sito dell’advisor americano mostra l’andamento dell’Etf replicante dello S&P500 in versione total return affiancato dal solo indice di prezzo S&P500. La differenza, dopo 24 anni è notevole, 284%. Ma se i dividendi incassati rappresentano il 46% di questa cifra, da dove arriva il rimanente 238%? Continua a leggere

Ripasso di Inizio Anno

Clipboard01

Chissà perchè quando si comincia un nuovo anno i propositi sono sempre dei migliori. Già dopo una settimana ci siamo dimenticati dei sogni e delle promesse fatte il primo giorno dell’anno nuovo. Almeno per quello che riguarda i propositi di migliore gestione dei propri investimenti ho deciso di lasciarvi un memo in grado di stimolare i vostri buoni propositi.

Einstein definì la formula dell’interesse composto come l’ottava meraviglia del mondo. E’ gratis basta solo farla lavorare, quindi:

  1. Cominciate a risparmiare il prima possibile; il tempo è il vostro migliore amico in fatto di investimento e ricordate che indietro non si torna. Perchè lasciare perdere questo pasto gratis che ci offre la matematica finanziaria? Che aspettate mettete da parte qualche eurino ed a fine mese si investe, l’importante è non fermarsi mai.
  2. Spendete solo ciò che serve per vivere con una adeguato tenore di vita e senza rimpianti; risparmiare non deve essere visto come un sacrificio, ma come un mezzo per arrivare al fine. Assaporare anno dopo anno i vantaggi del proprio capitale che cresce grazie ai vostri investimenti  è un qualcosa di impagabile che potrete sfruttare appiena nel momento in cui raggiungerete l’obiettivo temporale/finanziario che vi eravate proposti. Mangiate cose sane per sentirvi meglio ed in forma. Risparmiare è la stessa cosa per gustare momenti di indipendenza finanziaria e di realizzazione dei sogni fra qualche ann
  1. Fare sempre un tagliando ai vostri obiettivi e alle vostre aspettative. State convergendo verso di loro? Se sì tutto ok, se no cercate di risparmiare di più. Ribilanciate ogni anno i vostri portafogli e non dimenticate mai il vostro profilo di rischio. Se state accantonando i soldi per acquistare la seconda casa quando siete in pensione e avete 40 anni, spiegatemi a cosa vi serve investire in Bot o tenere i tassi sul conto corrente. L’inflazione vi porterà via una buona fetto di ciò che state faticosamente accantonando.
  2. Riducete al minimo l’esborso di denaro al servizio dei vostri debiti. Se avete dei soldi da parte valutate se estinguere parte del debito qialora questo risulti più oneroso del rendimento dei vostri investimenti. L’ottava meraviglia del mondo si sta trasformando in nemico per voi. Lo sapete che con un tasso di interesse del 6% il vostro debito raddoppierà nel giro di 12 anni? A volte il miglior investimento è proprio l’estinzione di un debito.
  3. Non abusate di prestiti personali e carte di credito. Permettetevi quello che vi serve ed evitate più che potete ogni forma di debito. Riducete gli sprechi e cercate di tenere un memo delle vostre spese. Esistono tante app gratuite che vi permettono di tirare bilanci a fine mese e sui quali lavorare per risparmiare di più.
  4. Utilizzate i vantaggi (pochi) fiscali che offre lo Stato. Valutate se può essere utili ricorrere ad un fondo pensione per spostare in avanti di molti anni il pagamento delle tasse sfruttando nello stesso tempo il vantaggio della capitalizzazione composta degli interessi.

Continua a leggere