Dedicato agli amanti dei fondi che coprono il rischio cambio

ombrello

Molto spesso i risparmiatori non prestano le dovute attenzioni a certi prodotti e alle loro caratteristiche. Negli ultimi anni è esplosa la moda dei prodotti hedged, ovvero con la copertura di un rischio che sia valutario, di credito o di tasso.

Soprattutto lato valute si sono moltiplicati i fondi e Sicav capaci di adottare una semplicissima copertura di rischio cambio. Se infatti compro un fondo che investe in titoli di stato americani mi verrà ritornato dopo un certo periodo la sommatoria delle variazioni di prezzo di questi titoli + il rateo interessi maturato + (  o – ) la variazione di valore del Dollaro USA.

Per eliminare questa ultima variabile si decide perciò di adottare una strategia cosiddetta hedged, ovvero di copertura del rischio cambio. I metodi più classici di copertura li abbiamo spiegati qui, ma quello che c’è da capire è che la copertura non è gratuita. Il costo per il cliente è infatti rappresentato dal differenziale di tasso che esiste tra la valuta che si vuole coprire (ad esempio il Dollaro) e l’Euro.

Se la valuta che si desidera coprire è invece una divisa con tassi di interesse più bassi (ad esempio la Svizzera) la copertura si rivela premiante per chi la attua. In parole ancora più povere se acquistate un titolo in Dollari a 1 anno con un rendimento superiore a quello europeo voi sarete costretti a retrocedere al mercato la differenza di rendimento in modo da avere in mano un titolo in Dollari con il rendimento in Euro. Se non fosse così sarebbe molto semplice diventare ricchi (ma qualche bravo arbitraggista c’è). Continua a leggere

Buone Nuove dal Mondo Valutario

fxInteressante articolo della società MSCI Research circa il cambiamento che si è registrato in alcuni paradigmi classici di carattere finanziario dopo la crisi del 2008. Nello specifico si parla della copertura del rischio valutario da parte di un investitore domestico (in questo caso quello giapponese). Ne abbiamo già parlato qui ma giova ricordare il concetto anche perché fondi ed Etf stanno producendo a ritmo serrato prodotti che prevedono la parola “hedged”. Per i profani stiamo parlando di uno strumento che elimina completamente il rischio di cambio dal vostro investimento.

Se ad esempio decidete di comprare un Etf che investe nella borsa americana e di fianco trovate la parolina hedged, avrete sempre acquistato le azioni americane in dollari, ma qualcuno si preoccuperà di azzerare il vostro rischio cambio EurUsd con operazioni cosiddette a termine di vendita del dollaro stesso contro Euro. In questo modo di fatto è come se vi trovaste in casa le azioni americane quotate in Euro senza rischio cambio. C’è un piccolo cavillo però. Continua a leggere

Il Fascino Esotico della Scommessa Valutaria

Le valute rappresentano un mondo molto affascinante sia per chi investe che per chi è appassionato di viaggi e geografia come il sottoscritto. E’ sbagliato pensare all’acquisto di una singola valuta non domestica sempre come ad una scelta di allocazione rischiosa dei propri risparmi e ve l’ho dimostrato in questo post che spiegava la mia esperienza personale.

fx
La scelta di allocazione del denaro, anche su strumenti in valuta, dipende dagli obiettivi che ci siamo prefissati. Personalmente da anni utilizzo la tecnica del PAC per “finanziare” in anticipo i miei viaggi e questo atteggiamento è lo stesso anche su valute particolarmente rischiose ed esotiche come il Rand sudafricano o il Real brasiliano. Quello che conta per me è accantonare denaro per soddisfare il mio obiettivo di medio periodo, ovvero in questo caso visitare fisicamente quei luoghi; il mio obiettivo non è guadagnare con questi investimenti, ma risparmiare soldi per finanziare un progetto di vita. Ricordate la differenza tra risparmio e investimento?
Passando al lato investimento stanno arrivando parecchie mail di lettori che chiedono Continua a leggere