Vanguard sbarca in Italia: #3 la nostra recensione su Vanguard Ftse All World High Dividend Yield ETF

jack bogle

Dopo la  recensione sull’ETF Vanguard All World, questa settimana proseguiamo il nostro viaggio all’interno dei prodotti a replica passiva recentemente quotati in Italia dalla società fondata da Jack Bogle.

Come investire negli ETF di Vanguard è noto alla maggior parte dei  lettori. Basta inserire un ordine di acquisto su qualsiasi piattaforma di trading online o comunicare le proprie intenzioni all’addetto titoli di una banca.

Capire però in che cosa si investe quando si compra un ETF Vanguard è tutto un altro discorso. Proprio su questo ci concentriamo anche oggi analizzando un prodotto azionario mondiale specializzato in società ad alto dividendo.

Recensione #3: Vanguard USD Ftse All World High Dividend Yield ETF

Vanguard Ftse All World High Dividend Yield fa parte della batteria di 19 ETF lanciati a metà gennaio dalla casa americana su Borsa Italiana.

Il prodotto ha una capitalizzazione superiore ai 500 milioni di Dollari, la più alta degli strumenti rientranti in questa categoria quotati a Milano. L’indice che viene replicato dall’ETF di Vanguard è il FTSE All World High Dividend che altro non è che un sottoindice del FTSE All World commentato in questo precedente post. Continua a leggere

Annunci

Vanguard sbarca in Italia: #2 la nostra recensione su Vanguard Emerging Markets Government Bond

Risultati immagini per bogle phrase best top

Dopo la prima recensione sull’ETF Vanguard All World quotato sulla borsa italiana, proseguiamo il nostro percorso per aiutare gli investitori a capire pregi e difetti dei prodotti a replica passiva lanciati dal colosso americano.

Come investire negli ETF di Vanguard è semplice. Capire in che cosa si investe quando si compra un ETF di Vanguard è tutto un altro discorso. Proprio su questo ci concentriamo oggi parlando di un prodotto obbligazionario.

Recensione #2: Vanguard USD Emerging Markets Government Bond ETF

Questa volta abbiamo deciso di analizzare l’altra gamba portante di un piano di investimento, ovvero quella obbligazionaria. Trattiamo di governativi emergenti, certamente qualcosa di più rischioso dei governativi europei o americani a cambio coperto, ma un asset a reddito fisso che può comunque trovare posto all’interno di un portafoglio di investimento ben diversificato.

Per chi volesse vedere l’ultimo factsheet disponibile può cliccare qui.

L’ETF Vanguard Emerging Markets Government Bond investe nelle obbligazioni emergenti governative e di enti pubblici denominate in Dollari Usa facenti parte dell’indice Bloomberg Barclays EM USD Sovereign + Quasi Sov.

Il primo elemento da considerare è quindi la variabile cambio. Il rischio è aperto ed uguale a 100% Dollari americani. Continua a leggere

La tentazione di mediare le perdite…sbagliate

fall

Diversi investitori pensano che le correzioni (meglio se profonde) dei mercati azionari vanno sfruttate sempre e comunque per aumentare l’esposizione a quel determinato tipo di investimento.

Vero se questo discorso lo fate per indici geografici ampiamente diversificati tipi Msci World, S&P500, Msci Emu, Msci Emerging Market. Falso se prendete questo evento di mercato come una buona scusa per caricare ulteriormente la molla su investimenti regionali o settoriali molto specifici. Avete sbagliato, non ammettete l’errore e andate a mediare la perdita. Passo falso clamoroso!

Ma come Archeowealth, non sei stato tu a dirci che se siamo giovani dobbiamo sperare in un bel crash di mercato?

Certo e lo riconfermo. Ma lo ripeto sempre, un conto è investire in modo diversificato e di buon senso, un conto è fare scommesse.

Ora vi faccio un esempio reale e recente.

test1 Continua a leggere

Grafico della Settimana: Sensex India

Continuano i post che mirano a mettere in evidenza gli andamenti grafici più interessanti ed originali di asset finanziari assolutamente replicabili da ogni investitore tramite fondi/ETF/ETC/Azioni/Obbligazioni/Valute.

La speranza è che questi spunti possano essere di aiuto nelle scelte di investimento presenti e future.

I grafici, per volontà dell’autore, non saranno commentati proprio perchè verranno selezionati solo quelli che “parlano da soli”.

Questa settimana presentiamo l’indice indiano Sensex. Nome allettanti e supporti di lungo periodo appena colpito, occasione d’acquisto?

india+

 

Giocati dal Caso

Purtroppo il concetto di diversificazione è uno dei più difficile da applicare poiché la menta umana è alla costante ricerca della via più breve per ottenere il risultato. Ecco quindi che nei portafogli di tutti gli investitori si trovano sistematicamente delle puntate su azioni o indici azionari specifici i quali, proprio per questa loro caratteristica, risultano anche altamente volatili, nel bene o nel male.
La tabella riportata sotto volutamente prende il primo giugno 2015, giornata del picco della borsa cinese, come base di partenza. Chi avesse cercato la scommessa sulla singolo borsa di Shanghai ora perderebbe il 35%. Se avesse avuto la malaugurata idea di giocarsela anche sul settore auto (quante volte ho sentito che qui bisognava mettere i soldi perché tutti i popoli emergenti si sarebbero messi in macchina) avrebbe perso un bel 25%.

caso
Se poi, perché golfisti convinti, invece che il settore auto si fosse scelto il singolo titolo Volkswagen, voilà il capitale per metà bruciato in 3 mesi. A questo punto non era meglio investire nel settore auto con la perdita ridotta ad un quarto?

Spostiamoci invece nella parte bassa della tabella. Investire nel mercato emergente generico rispetto alla sola Cina avrebbe permesso una minore perdita di 6 punti percentuali.
Investire in tutto il mercato azionario europeo rispetto all’indice auto vi avrebbe permesso di dimezzare le perdite. Investire nell’azionario mondiale di ridurle al di sotto del 10%. Se poi saggiamente un po’ di soldini li avete depositati sui bond il vostro portafoglio avrebbe sofferto ancora meno.

Certo si poteva comprare Teco Energy sul listino americano e guadagnare il 41%, ma chi era in grado di prevedere questa performance? Nessuno, altrimenti non ci sarebbero stati tanti polli spennati che hanno visto dimezzare il loro capitale su Volkswagen. Ma questi eventi sono imprevedibili dirà qualcuno. E’ vero, proprio perché sono imprevedibili al rialzo come al ribasso non voglio giocare a dadi con i miei soldi, perché come dice Taleb nel suo libro Giocati dal caso: Il ruolo della fortuna nella finanza e nella vita (Saggi), alla fine il caso ci giocherà prima o poi un brutto scherzetto.

Leggi anche: Il senso della diversificazione

                       Perchè diversificare la geografia dell’investimento azionario

Momento Chiave di Mercato

Il meeting della Federal Reserve di giovedì prossimo rappresenterà ovviamente il catalizzatore di tutti i movimenti di mercato delle prossime ore ma anche di quelle successive. Abbiamo già provato a parlare in diverse occasioni di cosa è successo ai mercati dopo un rialzo dei tassi, ma possiamo anche tranquillamente dire che stavolta potrebbe essere diverso. Non lo sappiamo, nessuno lo sa, quale reazione potrebbero avere i mercati dopo un’eventuale decisione di rialzo dei tassi oppure di invarianza degli stessi. L’unica cosa che possiamo osservare è il comportamento dei mercati e dei prezzi con cui questi vengono valutati.
Evidente che le attuali quotazioni scontano un rallentamento economico, non ancora una recessione, per quella il requisito è almeno una correzione del 20% dai massimi (prendendo la borsa americana come punto di riferimento).
Il grafico successivo preso dal blog www.shortsidelong.com ci mostra come le vendite copiose delle settimane scorse ha portato le borse mondiali a ridosso di supporti chiave. Continua a leggere