In attesa di un alito di volatilità

Interessante analisi storica quella presentata dalla società LPL Research nei giorni scorsi e che spezza un po’ le motivazioni che molti “orsi” cronici sembrano portare ogni volta che incitano all’imminente scoppio della bolla speculativa.

Come si vede dal grafico, nel 2017 sono state 8 le variazioni superiori al 1% per l’indice azionario americano.

Non siamo di fronte ad un valore da record storico, per quello bisogna tornare al 1963. Singolare come tutto questo è successo da quando il neo Presidente americano Trump ha preso possesso della Casa Bianca. Ma non doveva provocare disastri? Forse sarà così, ma per il mondo degli affari al momento questa storia non esiste proprio. La striscia storicamente più favorevole di bassa volatilità arrivò ancora una volta paradossalmente dopo un evento presidenziale potenzialmente nefasto, l’assassinio di Kennedy.

I soliti gufi che sistematicamente invocano il disastro sono stati battuti nettamente quest’anno ma state certi che al primo alito di vento per loro la tempesta è all’orizzonte.

Ovviamente non abbiamo la più pallida idea di quando le oscillazioni si faranno più frequenti sui mercati azionari, ma vale la pena ricordare di come la volatilità crea anche opportunità per chi deve investire denaro e che la stessa rappresenta semplice rumore per chi ha orizzonte di lungo periodo.

Annunci

Ferie, Traffico e Copertine

Il mese di agosto è tipicamente un mese volatile per i mercati finanziari ed anche quest’anno abbiamo avuto la conferma. Un buon motivo per prendersi un bel periodo di ferie ed evitare di ascoltare, leggere o vedere qualsiasi genere di notizia finanziaria, un esercizio che ormai pratico con assiduità da anni e che nel tempo mi ha evitato tanti errori comportamentali.
E’ innegabile che il Black Monday del 24 agosto e tutti i segni rossi negativi visti nei giorni precedenti hanno messo a dura prova i nervi degli investitori; spaventati dalla notizie poco rassicuranti provenienti dalla Cina potevano essere forzati a “mollare la presa” dopo un sacrificio consistente in termini di valutazioni e questo non sarebbe stato un bene. Continua a leggere