Il dolore di una perdita (replica)

In una situazione di mercati azionari volatili come quella attuale riprendere qualche articolo di finanza comportamentale rispolverato dall’archivio non fa mai male…Buona lettura.

stress

Di fronte alle perdite ogni investitore ha un suo modo di reagire. Chi con disappunto, chi accettando la sconfitta, chi imprecando la legge di Murphy, chi il mercato che non fa quello che dovrebbe fare. Ma tutti quanti abbiamo in comune un fattore, quello di essere molto più sensibili alle piccole o grandi perdite rispetto ai piccoli o grandi guadagni. Continua a leggere

Il dolore di una perdita

stressDi fronte alle perdite ogni investitore ha un suo modo di reagire. Chi con disappunto, chi accettando la sconfitta, chi imprecando la legge di Murphy, chi il mercato che non fa quello che dovrebbe fare. Ma tutti quanti abbiamo in comune un fattore, quello di essere molto più sensibili alle piccole o grandi perdite rispetto ai piccoli o grandi guadagni. Continua a leggere

Rosso in Doppia Cifra

Gli investitori alla disperata caccia di rendimento, ma soprattutto coloro che non vorrebbero mai vedere segni negativi sul proprio estratto conto titoli (tipico errore di chi non capisce il significato ed il valore aggiunto della diversificazione), sono in fibrillazione in queste ultime settimane per effetto della correzione in atto sul mercato dei bond. Ne abbiamo già parlato qui, ma vale la pena annotare come il classico benchmark di riferimento, ovvero il Treasury a lungo termine (o se preferite l’ ETF di iShares Treasuries 20+) ha portato il suo drawdown di prezzo dai massimi di gennaio (ovvero la sua perdita massima) ad un valore superiore al 10%. Siamo quindi ad un rosso in doppia cifra e per questo è molto interessante andare a vedere quante volte un comportamento di questo tipo si è verificato nella storia dei tassi a lunga scadenza americani. Continua a leggere