Cari ragazzi vi spiego come costruire la pensione minima da 650 Euro al mese

Nei giorni scorsi il Governo italiano ha fatto trapelare la possibilità che i giovani lavoratori potranno contare su assegni minimi di pensione a partire da 650 Euro qualora la carriera lavorativa non dovesse permettere il versamento di contributi previdenziali sufficienti. Qui la notizia .

A parte il fatto che dire 650 Euro nel 2017 non è la stessa cosa di dire 650 Euro nel 2067 (+70 anni) per effetto dell’inevitabile erosione del potere d’acquisto da parte dell’inflazione, avere poi la certezza del diritto previdenziale in Italia richiede un forte atto di fede. Allora perchè non crearsi da sè un assegno minimo di mantenimento.

Ho fatto una semplice simulazione. Investendo per 45 anni a partire dai 25 anni (quindi arriviamo a 70 anni) 100 Euro al mese aumentati del 2% ogni anno per compensare l’inflazione e stabilendo  un rendimento netto annuo medio del 3%, all’età di 70 anni avremo a disposizione circa 166 mila Euro. Continua a leggere

Annunci

Buona idea per pensionati in cerca di rendita

divid

Nei giorni scorsi nel post “La strategia del Dividendo” abbiamo cercato di spiegare le principali strategie legate appunto al dividendo ed applicabili nel mondo dell’azionario. La nostra preferenza era andata alla strategia legata alla crescita sistematica del dividendo, questo a discapito della semplice presenza del dividendo o del rapporto dividendo/prezzo più elevato.

In tal senso proprio a inizio dicembre una bella analisi di S&P Dow Jones Index  è andata a confermare molte delle idee che già avevamo formulato in quella sede.

Interessante la prima tabella che mostra come in un ambiente volatile le società appartenenti al paniere Aristocrats tendono a mostrare una decisa tendenza a sovraperformare, sia l’indice generale che quello High Dividend costituito dalle società a maggiore rendimento da dividendo in rapporto al prezzo. La cosa interessante è che storicamente, anche in regimi di bassa volatilità, queste società sono capaci di creare una performance superiore all’indice generale.

div1 Continua a leggere

Sei Consigli per la Pensione Futura

pensione

Qualche anno fa in un’indagine curata da HSBC  dal titolo “The future of retirement” (qui l’ultima edizione ) il campione intervistato indicò  i migliori consigli ricevuti nel corso della vita lavorativa ed in grado di generare il maggior impatto positivo sulla propria posizione pensionistica privata futura.

Vogliamo elencare di seguito questi concetti perché ci paiono di assoluto buon senso:

  • Cominciare a risparmiare in giovane età. Questo consiglio è stato votato dal 53% dei partecipanti.
  • Cominciare a risparmiare un piccolo importo di denaro con regolarità. Questo consiglio è stato votato dal 45% dei partecipanti il sondaggio.
  • Non spendere ciò che non si possiede. Anche in questo caso il 45% ha individuato in questo fattore un ottimo consiglio finanziario per avere un capitale adeguato nella fase di ritiro.
  • Acquistare la casa di proprietà solo quando ogni individuo/famiglia se lo può permettere. Il 40% degli intervistati ha individuato in questo fattore un punto di forza per non accendere debiti non sostenibili nel tempo.
  • Acquistare solo ciò che serve veramente. Il 36% pensa che fare acquisti consapevoli e ragionati possa rappresentare un buon consiglio da dare soprattutto ai giovani.
  • Sviluppare un piano finanziario per il lungo periodo. Per il 34% degli intervistati questo è stato un eccellente consiglio che hanno ricevuto nel corso della vita.

Ovviamente potrebbero esserci altre indicazioni (costi, asset allocation, grado di rischio, ecc…) ma crediamo che per un approccio di base cominciare a lavorare su questo materiale, soprattutto in Italia dove l’alfabetizzazione finanziaria è molto bassa, possa rappresentare un ottimo punto di partenza per ritirarsi dal mondo del lavoro a tempo debito e con maggiore serenità.

Leggi anche: Qualche pillola di buon senso

Ma quanto capitale mi servirà quando sarò in pensione?