Come scegliere il giusto Etf (parte II)

erf

In questo post abbiamo accennato a quanto fondamentale risulti essere la scelta dell’indice che si decide di replicare (o sul quale si vuole investire) tramite strumenti di gestione passiva come gli ETF.

Oggi vogliamo andare oltre ed analizzare altre due componenti che vengono molto spesso trascurate dall’investitore nel momento della scelta. La prima è il cosiddetto tracking error dell’ETF rispetto al suo benchmark, la seconda è il fattore liquidità.

Il tracking error (qui una definizione tratta dal sito di Borsa Italiana) altro non è che la volatilità della differenza di rendimento tra l’ETF e il suo benchmark. In parole ancora più povere,  questa misura ci permette di capire quanto fedele è la replica del prodotto che abbiamo scelto per investire su un determinato indice di mercato. Più lontano dallo zero è il  tracking error maggior è la gestione attiva del prodotto.

Scegliere il giusto indice e poi trascurare la giusta replica è un peccato spesso sottovalutato. Si preferisce guardare al costo più basso, peccato che questo vantaggio potrebbe essere annullato (se non superato) dal fatto che il prodotto scelto è uno dei peggiori nella replica del benchmark. Questo è un punto fondamentale e da ricordare. Gli ETF non sono strumenti perfetti, e le loro sbavature nella replica del sottostante determinano appunto un tracking error di un certo tipo.

Se un indice guadagna il 10.30% ed il vostro ETF che lo replica ha commissioni dello 0.30%, il vostro rendimento atteso sarà di 10% (10.3% meno le commissioni). Alcuni indici possono però fare peggio, altri fare leggermente meglio. La pratica del prestito titoli serve ad esempio per ridurre il “costo” a carico del cliente. Continua a leggere