Déjà Vu sui Tassi?

Magari non sarà così stavolta, però i cicli di borsa sono fatti per ripetersi con una certa frequenza (in analisi tecnica c’è proprio una vera e propria letteratura su questo) e quello che stiamo vedendo sui tassi di interesseamericani sa tanto di deja-vu.

Perché dico questo? Osservate l’andamento del tasso decennale americano nel 2013, 2014 e 2015. Prima della chiusura dell’anno i rendimenti cominciano a salire e poi appena il calendario dà il benvenuto all’annuo nuovo gli acquisti di obbligazioni arrivano a raffica.  Nel 2014 i tassi scesero di quasi 50 punti base, nel 2015 di oltre 60, nel 2016 di 80 punti base.

tnote

Perché questo accade non lo possiamo ovviamente sapere, ma parlare di combinazione casuale ci sempre un po’ da fatalisti.

Questi cicli prima o poi si interrompono ed anche stavolta il 2017 potrebbe non andare come nel triennio precedente, ma la sensazione di gestori che stanno prendendo profitto su un mercato obbligazionario è forte. Mediamente i bond hanno reso quest’anno tra il 4% e il 5% con rendimenti mondiali che partivano da un valore medio del 2% a scadenza il primo gennaio 2016.

Nessun cambio di tendenza per ora, ma una bella boccata di aria fresca (ribasso dei prezzi significa margine di utile per l’anno successivo per tutti i gestori) per affrontare il 2017 con un’arma, quella obbligazionaria, che rischiava di essere non solo spuntata, ma anche antieconomica alla luce di tassi negativi o prossimi allo zero.

 

Annunci

Grafico della Settimana: Tassi 10 anni Stati Uniti

Continuano i post che mirano a mettere in evidenza gli andamenti grafici più interessanti ed originali di asset finanziari assolutamente replicabili da ogni investitore tramite fondi/ETF/ETC/Azioni/Obbligazioni/Valute.

La speranza è che questi spunti possano essere di aiuto nelle scelte di investimento presenti e future.

I grafici, per volontà dell’autore, non saranno commentati proprio perchè verranno selezionati solo quelli che “parlano da soli”.

Questa settimana presentiamo il rendimento dei titoli di stato americani a 10 anni. Verrebbe da dire, si torna sul luogo del delitto con rendimenti vicinissimi al 1,50%. Per il mondo finanziario americano (e per la Yellen) siamo ad un bivio. Scendere ancora significherebbe rallentamento dell’economia, bassissima inflazione e soprattutto paura sui mercati azionari nei prossimi mesi. Saprà mercoledì prossimo la Fed tirare fuori qualche cosa dal cilindro?

TASSI USA