Tanto per cambiare…un pò di Grecia

Il tema Grecia è ovviamente d’attualità e presenta molte spine per un’Europa incapace di mostrarsi unita di fronte ai problemi. Come sempre succede in questi casi si aprono gli schieramenti tra chi recrimina sovranità compreso il diritto di ogni popolo nazionale di decidere le sorti del proprio destino e chi invece cita l’Euro come un processo irreversibile che ha come fine ultimo l’unione fiscale e politica.
Qui sta il nodo principale, decidere cosa fare da grandi. Fino a quando il mondo gira dal verso giusto si può far tardi la sera, avere comportamenti finanziari un po’ allegrotti, ottenere prestiti a destra e a manca per mantenere un tenore di vita elevato, ma quando la crisi arriva bisogna affrontare con umiltà e modestia gli eventi. Mi fermo qui e vi lascio con due articoli ben fatti. Continua a leggere

Annunci

Vi racconto una storia

grecia

Ognuno è libero di farsi un’opinione sulla questione greca e la mia idea vorrei raccontarla come una piccola storia di famiglia. Seguitemi allora.

Esiste una grande famiglia di nome Euro, veramente numerosa e che vive insieme ormai da 16 anni. In questa famiglia vive un figlio di nome Greece particolarmente sfigato (non è il solo), sprecone (non è il solo), disordinato (non è il solo) e che da qualche mese a questa parte litiga con genitori, fratelli e sorelle (per ora è il solo). Sarà la crisi adolescenziale dei 16 anni, ma da qualche tempo a questa parte risponde sempre NO.

Ma per quale motivo dopo tanti anni insieme l’armonia si è rotta?

Da un po’ di tempo, quando a casa Euro entrano conoscenti vicini e lontani il suo comportamento destabilizza tutto l’ambiente. Ad un certo punto gli amici si stancano di questo atteggiamento da cialtrone e trovano poco gradevole passare del tempo con gli altri componenti della famiglia. Continua a leggere