La capitalizzazione composta…dei costi

mostro

Il Presidente di Vanguard, il celebre John Bogle autore del libro The Little Book of Common Sense Investing: The Only Way to Guarantee Your Fair Share of Stock Market Returns, ha definito i costi che vengono sostenuti durante l’investimento come dei “mangiatori di rendimento” in grado di creare  la cosiddetta “Tiranny of compounding costs”.

Nel lungo periodo sappiamo molto bene come i costi sono un detrattore di rendimento e come un oculato ed attento contenimento degli stessi è in grado di generare valore anche se dal mercato non arrivano grandi soddisfazioni. Ne abbiamo parlato qui dove abbiamo anche ribadito come la variabile costi è una delle poche voci determinanti del rendimento che potete controllare.

Nello stesso tempo non vivo sulla Luna e sono perfettamente d’accordo con chi sostiene che nulla è gratis, nemmeno la consulenza finanziaria. Avere accesso a professionisti in grado di trasmetterci concetti di base sull’ educazione finanziaria o di spiegarci la complessità di certi prodotti, o ancora di creare sulla base delle nostre caratteristiche dei progetti di investimento, ha senso dopo tutto. Giusto, ma il processo messo in piedi deve avere un costo equo perchè altrimenti il rischio è trasferire una consistente parte della propria ricchezza ai consulenti finanziari con risultati deludenti per i vostri progetti futuri.

Seppur un pò estrema e  non pienamente calabile nel contesto italiano, il Robo Advisory americano Wealthfront ha nei giorni scorsi fatto un esempio molto interessante. Continua a leggere

Il Lato Democratico della Tecnologia Finanziaria

robo

In questi giorni sono usciti due articoli piuttosto interessanti circa un fenomeno in costante e veloce crescita negli Stati Uniti (ma anche in Gran Bretagna) come quello dei Robo-Advisors. Noi ne abbiamo già parlato qui e qui, ma l’Economist  ha fatto un focus proprio su quello che sta succedendo nel mondo della consulenza a pagamento, fenomeno che prossimamente interesserà anche l’Italia sperando anche da questa evoluzione tecnologica dalla portata culturale notevole (oltre che democratica appunto). Continua a leggere