Aggiustamenti di rotta per mercati imprevedibili

Stabilire le aspettative di rendimento di un investimento è un esercizio particolarmente complesso.

Le variabili sono tante e non tutte sotto il nostro controllo.

Possiamo però cercare di capire se la rotta di navigazione è quella giusta. Con maggior certezza per quello che riguarda le attese di rendimento di un investimento obbligazionario; con qualche approssimazione in più per il mercato azionario.

Alla fine del 2015 scrissi un articolo dal titolo “semplici idee per determinare le vostre attese di rendimento. Il metodo citato in quell’articolo per stimare le attese di rendimento future di un investimento è stato negli anni una delle mie bussole preferite per assolvere a questo compito.

Naturalmente non ho la più pallida idea di dove si posizionerà la borsa americana alla fine del 2022.

Continua a leggere

Un decennio da ricordare per l’investitore azionario

Il meglio è ormai alle spalle per i mercati azionari?

Le borse mondiali stanno per chiudere un triennio straordinariamente positivo con un rialzo che supera l’80%. Le borse americane hanno fatto anche meglio. Il guadagno del principale indice statunitense, lo S&P500, sfiora il 100% in 36 mesi. Gli ultimi 3 anni hanno avuto sempre segno positivo in doppia cifra.

I sorrisi non mancano e allora ecco che un bel post statistico sul finire d’anno può aiutare a inquadrare la situazione in ottica 2022 e non solo. Come sa bene chi legge da tempo questo blog qui si ragiona sempre in un’ottica di lungo periodo. Come diceva qualcuno, tutto il resto è noia.

La domanda che ogni investitore poco avvezzo a maneggiare le statistiche si pone a questo punto del percorso è se siamo di fronte a rialzi di borsa eccezionali.

La risposta è no, anche se bisogna ritornare al 1997 per ritrovare numeri così generosi. Giusto per la cronaca, nel 1998 e nel 1999 le borse americane salirono ancora archiviando il bilancio triennale sopra al 100% di performance.

Periodi che sembrano aver qualche punto in comune con i movimenti di mercato di questi ultimi anni. Il 2021 sarà ricordato per la raffica di massimi storici realizzati nello stesso anno a Wall Street. Nel1995 si arrivò a ben 77 record storici eppure questo non privò le borse della benzina necessaria a spingersi più in alto nel lustro seguente che portò alla bolla delle dot.com.

Una sequenza impressionante di rialzi non è quasi mai sinonimo di borse destinate a crollare a breve.

Continua a leggere

Con azioni e obbligazioni 1 volta su 4 va male

Tastiera, Successo, Sventura, Sconfitta

La rete offre sempre spunti molto interessanti sia per chi è alle prime armi con il mondo degli investimenti, sia per chi vanta già una certa esperienza e in teoria pensa di poter rispondere alla domanda come investire nel modo migliore senza grandi problemi.

Ho trovato per esempio questa pagina sul sito americano di Vanguard che ritengo molto utile e da tenere sempre a portata di click.

Pagina fresca fresca di aggiornamento con i dati del 2020 che offre uno spaccato storico molto profondo (parliamo di 95 anni) di 9 asset allocation differenti caratterizzate da un peso azionario crescente.

Rendimenti medi annui, anni migliori e peggiori e numero di anni chiusi in perdita. Sappiamo che il passato non rifletterà quasi certamente il prossimo futuro, ma aiuta a capire cosa significa investire in un modo piuttosto che un altro.

La prima sorpresa arriva da un investimento 100% obbligazionario.

Continua a leggere

I mercati azionari NON sempre salgono nel lungo periodo

Salita, Alpinismo, Successo, Montagne

Come sanno bene i lettori del nostro blog uno dei punti fermi dell’investitore di buon senso è quello che nel lungo periodo i mercati azionari crescono sempre. Naturalmente su un’affermazione vera e finora incontestabile che proviene dai dati storici, tanti personaggi che bazzicano nel mondo della finanza ma che potrebbero tranquillamente vendere manici di scopa in Cina visto il non elevato livello di competenza ed esperienza nel campo, ricamano storie che ingannano colui che gli paga lo stipendio, ovvero il cliente.

Non tutti lo fanno in malafede, ma parecchi di questi personaggi ambigui sfruttano certi miti per sottrarre dai portafogli dei clienti fior fiore di commissioni tanto come si sa, nel lungo periodo tutto passa. Carpe diem direbbe qualcuno. Continua a leggere

L’incredibile resilienza dei dividendi azionari

Marchio, Marcatore, Mano, Scrivere

Come promesso la scorsa settimana, oggi pubblichiamo l’articolo di un autore con il quale abbiamo deciso di collaborare. Per il momento lo chiameremo mister X ma intanto cominciamo a prendere confidenza con i suoi “scritti”, a mio modo di vedere molto interessanti e competenti. L’articolo segue idealmente quello di lunedì scorso dove maschere apotropaiche e obbligazioni sono stati messi assieme. Buona lettura.

Abbiamo trattato, di recente, il tema dei tassi di interesse che sono a zero in tutto il mondo e che ci rimarranno per molto tempo. Sappiamo che la Banca Centrale Americana ha gettato alle ortiche il loro mantra storico di modalità della lotta all’inflazione, decidendo di alzare i tassi solo quando l’inflazione sarà sopra il 2% per un po’ di tempo, invece di alzarli preventivamente in previsione di una salita dell’inflazione stessa. RI-tradotto per noi, anche se l’inflazione riparte i tassi di interesse rimarranno a zero per molto tempo.  E così anche i rendimenti delle obbligazioni e dei titoli di Stato. Sappiamo quindi anche che investire in un titolo di Stato o un’obbligazione, oggi, è come mettere dei soldi in uno strumento che non rende niente: anzi, al netto dell’inflazione, abbiamo un rendimento negativo. Continua a leggere

Liquidità esagerata = inflazione assicurata ?


Euro, Soldi, Inflazione, Valuta, Finanza

Qualche settimana fa Bloomberg ha pubblicato un interessante articolo nel quale veniva dibattuto il tema inflazione ed il rischio di perdite inattese che questa potrebbe generare nei portafogli degli investitori. Ovviamente l’articolo fa riferimento ad un qualcosa di assolutamente impensabile ad oggi, ma è un dato di fatto che tutti i comportamenti di banche centrali e Governi vanno in questa direzione.

In questo articolo sul nostro blog abbiamo citato un recente studio che mostra come la tendenza dei tassi di interesse reali al declino parte da lontano e quindi non stiamo vivendo una fase eccezionale. Però la FED ha messo sul mercato 3 trilioni di $ di liquidità, i tassi sono a zero ed il deficit federale americano nel 2020 sfiorerà i 3,7 trilioni di Dollari (il triplo di quelli stanziati nel 2009). Non noccioline e possibile benzina sul fuoco (ora spento) dell’inflazione futura.

Il Covid – 19 ha distrutto le catene tradizionali di fornitura mettendo in discussione l’architettura del commercio globale basata sull’import a basso costo dai paesi emergenti. Tanto cash, prodotti e servizi non più importabili come prima, perché l’inflazione non dovrebbe ripartire? Mistero. Continua a leggere

Appuntamento al 2035

Frecce, Sterile, Direzione, Strada

Chi pianifica un investimento nel lungo periodo ha a disposizione due motori di rendimento. Quello obbligazionario e quello azionario.

Per il primo è relativamente facile stimare un rendimento atteso per quello che riguarda i titoli di stato (a 10 anni tendenzialmente non andremo lontani dall’attuale Yield to Maturity su scadenza analoga). Meno facile, ma con una buona approssimazione, possiamo trovare agevolmente il rendimento atteso di investimenti obbligazionari investment grade. Più complicato il discorso relativo ad investimenti altamente speculativi come quelli in obbligazioni junk o emergenti dove la variabile default e volatilità distorce il valore atteso di lungo periodo.

Ancora più complesso delineare dei rendimenti attesi azionari. Esistono diverse metodologie già discusse ampiamente su questo blog sulle quali non torniamo a soffermarci, ma sempre con grande attenzione consulto gli aggiornamenti mensili offerti da Star Capital. Continua a leggere