L’antidoto Contro i Bassi Rendimenti

In un momento storico (soprattutto italiano) in cui il risparmio viene quasi demonizzato  e in un momento storico in cui i tassi di interesse ci stanno dicendo che i ritorni attesi dagli investimenti futuri non potranno certamente essere pari o maggiori a quelli degli ultimi anni (se non assumendo più rischi), il senso di smarrimento che pervade ogni risparmiatore/investitore è evidente e normale.

saveMesso all’angolo da una tassazione accanita del risparmio (anche quello previdenziale, ma qui siamo al museo degli orrori), il nostro Stato sta facendo esattamente il contrario di quello che stanno facendo altre nazioni civili, incoraggiare ed educare i giovani a risparmiare.
Vivere di rendita con la cedola del titolo di stato o bancario sarà impossibile sia per motivi aritmetici che per motivi legati alla scomparsa di quello che è sempre stato definito l’investimento free risk (chiedere a greci o a ciprioti per conferma).
Nonostante le forze politiche ed economiche dominanti cerchino di remare contro, la verità è che nessuno può sottrarre ad ognuno di noi un’arma eccezionale per continuare a progettare il raggiungimento degli obiettivi di medio lungo periodo della nostra esistenza, una seconda casa, una pensione serena, studi ambiziosi per i figli, ecc…
Molti simulatori si concentrano su rendimenti attesi piuttosto generosi considerando l’evoluzione di tassi e borse degli ultimi mesi e questo rischia di “illudere” colui o colei che decidono di partire con un piano di investimento volto a soddisfare certi bisogni più avanti nella vita.
Piuttosto che pianificare ritorni attesi con rendimenti medi annui del 7-8%, credo sia più opportuno fare simulazioni a tassi più realistici semplicemente vedendo quale impatto avrebbe sul capitale a scadenza l’incremento della percentuale di risparmio accantonata.
Vediamo l’esempio seguente per chiarire il concetto.

risparmio1Ragazzo/a di 25 anni che accantona il 10% di uno stipendio da 20 mila Euro annui e che cresce mediamente nei prossimi periodi al ritmo del 2% annuo. Con un rendimento atteso annuo (realistico) del 4% e supponendo di incrementare la quota di contribuzione iniziale del tasso di crescita stimato dello stipendio, a 65 anni il montante finale sarà di circa 270 mila Euro (166.364,06 euro in più di quello che abbiamo accantonato). Di questo montante finale il 38% è da imputare al risparmio accantonato, il 62% al ritorno generato dall’investimento. Poco, tanto, lascio a ciascuno il giudizio sugli importi, ma i numeri mi sembrano piuttosto realistici per un giovane neolaureato italiano.
Vediamo adesso cosa succede aumentando solamente del 2% la quota di risparmio accantonato sullo stipendio totale. In termini numerici la quota risparmiata ogni mese passa da 167 Euro a 200 Euro.

risparmio2A fronte di un risparmio addizionale durante i 40 anni di lavoro di 20 mila Euro, il montante finale cresce di oltre 53 mila Euro, circa il 20% in più della simulazione precedente. Se arrivati a 65 anni non avrete un bisogno immediato di questa cifra tenete conto che 53 mila Euro in più al 4% di rendimento equivalgono ad oltre 2 mila euro in più ogni che ogni anno avrete a disposizione per le vostre esigenze di spesa. Tutto questo ottenuto con soli 33 Euro di risparmio addizionale ogni mese.
Quanto è importante cominciare fin da subito a risparmiare lo spiega la simulazione successiva.

risparmio3Partendo con il piano di risparmio a 35 anni invece che a 25 avremo, all’età di 65 anni, un montante finale di poco meno di 150 mila euro (120 mila euro in meno del caso precedente) con più della metà dell’importo finale rappresentato dalla quota di risparmio accantonata contro il 38% precedente.

Per non parlare poi della stessa simulazione fatta partire a 45 anni. Partire 20 anni dopo ritornerebbe un montante piuttosto magro se confrontato con quelli precedenti, ma soprattutto solo un terzo del capitale sarebbe generato dall’investimento. Qualcuno obietterà che a 45 anni si guadagnano più dei 20 mila euro iniziale; è vero e l’esempio è fatto per dare uniformità alla simulazione, ma forse a 45 anni avrete anche una famiglia con dei figli da mantenere che eroderanno la vostra capacità di risparmio.

risparmio4Il motivo è spiegato dalla capitalizzazione composta degli investimenti la quale ha però bisogno di molto tempo per dispiegare tutti i suoi effetti dirompenti e che esplica i suoi effetti soprattutto nella parte terminale della fase di accumulazione.
Guardate cosa succede nel piano di investimento avviato a 25 anni.

risparmio5A fronte di un risparmio accumulato tra i 55 e i 65 anni di circa 22 mila euro otterrete un incremento del montante di oltre 120 mila euro, 5 volte e mezzo più alto del risparmio versato nel piano. Il 45% del montante finale viene praticamente realizzato negli ultimi 10 anni del piano cominciato 40 anni prima. La forza della capitalizzazione composta che, grazie ad una base di risparmio molto elevata, moltiplica i suoi effetti sul nostro capitale.

Questo è il modo più realistico per costruire ricchezza, questo è il modo più di buon senso per tenere conto delle prospettive di una vita più lunga e che richiederà una quota maggiore di capitale per essere vissuta degnamente.

Non state ad ascoltare chi vi racconta che se non consumate l’economia non girerà e il Pil non crescerà. Non vi preoccupate il mondo è fatto di 7 miliardi e passa di persone e ci sarà qualcuno che consumerà cio che serve per far progredire l’umanità. Fate sempre un onesto check delle vostre esigenze presenti e future, dei vostri obiettivi e dell’orizzonte di tempo che avete davanti. Risparmiate fin da subito e ricordate che sono soprattutto i denari accumulati nella fase iniziale quelli che faranno fare il salto di qualità al vostro piano di investimento. Negli esempi precedenti alzare del 2% la percentuale di risparmio mensile accantonata ci ha permesso di aumentare dello 0.5% all’anno la performance dell’investimento.

Ecco la vera ricetta contro i rendimenti bassi, aumentare nel limite del possibile la quota di denaro risparmiato. Nessuno di noi ha il controllo su quelli che saranno i rendimenti futuri degli investimenti e non è detto che le medie storiche di lungo periodo rispettino in futuro le promesse. Ciò su cui invece abbiamo il controllo (oltre ai costi) è la quantità di denaro che decidiamo di risparmiare ed il tempo a nostra disposizione per farlo, non sprechiamolo.

Leggi anche: Risparmiate fin da subito e con buon senso… vi conviene!

                        L’ottava meraviglia del mondo, un luogo che ogni giovane dovrebbe vedere

                       Semplicità e buon senso, i segreti del buon investitore stanno tutti qui

                       Come creare un piano di investimento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.