Il vaccino e il miglior investimento del mondo

Vaccino, Coronavirus, Medico, Mano

Qual’è il vaccino migliore del mondo per combattere il Covid? Qual’è l’investimento migliore del mondo per diventare ricchi il prima possibile?

Naturalmente la risposta più sincera che mi sento di dare a queste due domande è non lo so e non lo so.

Ma se ci pensiamo un attimo il nostro atteggiamento verso il vaccino non è tanto dissimile da quello verso la scelta di un investimento.

Alzi la mano chi non ha cercato su Google almeno una volta negli ultimi mesi quale potrebbe essere il vaccino migliore, con i minori effetti collaterali, con la ricerca e le tecnologie di produzione più sicure, il più adatto per le nostre probematiche di salute, ecc…

Ed alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non ha mai cercato in rete o presso fonti alternative quello che potrebbe essere il fondo o l’ETF più sicuro, efficiente e redditizio. Per non parlare poi della ricerca spasmodica del tema di investimento che rivoluzionerà il mondo o dell’azione candidata a diventare la nuova Amazon.

Ma non finisce qui.

Continua a leggere

ETF tematici, servono veramente all’investitore medio?

Sostenibilità, Energia, Globo

Questo blog (erroneamente) viene considerato pro ETF e contro fondi di investimento. Non è così e, chi avrà voglia di farlo, potrà verificare la presenza negli archivi polverosi di articoli dove è chiaramente indicato che investire in ETF non sempre è la scelta migliore. O meglio investire in certi ETF non sempre è la scelta migliore.

La cosiddetta democratizzazione degli investimenti è un fenomeno che è stato proprio associato alla diffusione sul mercato di fondi passivi e ETF. I piccoli e medi investitori tramite questi veicoli hanno ottenuto il privilegio di poter investire i propri risparmi alla pari degli investitori istituzionali. Ma ovviamente il mondo del risparmio gestito vive di utili ed allora il marketing finanziario cosa ha tirato fuori dal suo cilindro? Gli ETF super specializzati e tematici.

Ovviamente sono pronto a subire le critiche di chi dirà che da questo blog non escono idee di investimento super redditizie e che troppo spesso critichiamo certe tipologie di prodotti. Partendo dal presupposto che per investire con buon senso bastano pochissimi strumenti dalla struttura semplice e spiegabile alla classica casalinga di Voghera, lasciamo il giudizio finale a voi lettori. Il tentativo è comunque sempre quello di dimostrare le nostre tesi con elementi pratici o ancora meglio con ricerche scientifiche. E nelle scorse settimane è uscita una ricerca della Ohio University nella quale è stato dimostrato come gli ETF tematici non sono proprio la scelta più di buon senso per un investitore. Continua a leggere

ETF, blockchain, bitcoin, fiscalità e dintorni

Nella giornata della quotazione ufficiale a Wall Street di Coinbase, la più grande piattaforma globale di trading su criptovalute, prosegue il nostro viaggio dedicato al mondo delle crypto e della tecnologia blockchain. Il nostro autore super specialista del settore ci spiega come si acquistano criptovalute e cosa contengono gli ETF tematici che investono in società operanti nella tecnologia blockchain. Buona lettura.

Immagine, Impostare, Interfaccia

Dopo avere descritto negli articoli delle scorse settimane il funzionamento della rete Bitcoin e i principi su cui sono basate le applicazioni blockchain, in questo articolo proveremo a descrivere le diverse modalità con cui è possibile “investire” in questi settori e provare anche a fare chiarezza sulle differenze che esistono tra di loro, anche per cercare di comprendere dove potrebbe finire la tecnologia e iniziare il marketing. Ad esempio, tra i componenti di un ETF che dichiara di investire in azioni blockchain, quali titoli ci aspetteremmo di trovare? Probabilmente ci attenderemmo una lista di aziende tecnologiche che stanno progettando applicazioni basate sulla blockchain che potrebbero potenzialmente in futuro “cambiare il mondo”. Vedremo più avanti se sia effettivamente così.

Continua a leggere

Perchè investo in ETF

Mockup, Macchina Da Scrivere, Parola

Mi sono reso conto che in tanti anni di articoli pubblicati sul blog abbiamo auto celebrato l’investimento con strumenti finanziari a replica passiva (gli ETF) buttando qualche indizio sparso un pò di qua e un pò di là senza però mai concentrare in un unico post i motivi che ci fanno dire, meglio acquistare uno strumento che replica un indice piuttosto che un fondo a gestione attiva degli investimenti.

E’ arrivato il momento di farlo. Continua a leggere

Nel 2019 i fondi attivi hanno battuto il benchmark?

  • Pubblicato il report SPIVA 2019 nel quale vengono indicate le percentuali di fondi di investimento capaci di battere il benchmark in un anno record come il 2019
  • Naturalmente anche l’anno passato la gestione attiva ha tradito le aspettative con un media del 70% dei fondi americani incapaci di battere il benchmark di riferimento
  • A distanza di 10 anni i gestori di fondi high yield nel 97% dei casi risultano battuti dal mercato

Poche settimane fa è stato pubblicato il consueto report annuale redatto da S&P Dow Jones Indices relativo all’anno 2019. Da quando questo blog ha cominciato la sua attività non abbiamo mai mancato di commentare questa preziosa risorsa informativa in grado di mettere a disposizione del pubblico una verità taciuta fino a pochi anni fa, sussurrata ora che l’industria finanziaria dispone dell’arma degli ETF per dirottare il denaro di chi non crede più nella narrazione della capacità della gestione attiva di battere il mercato di riferimento.

Assodato che la gestione attiva non batte il benchmark nel lungo periodo e che gli investimenti finanziari sono un gioco a somma inferiore a zero (anzi peggio di zero come scritto qui), andiamo a vedere in sintesi cosa è uscito dal rapporto di S&P. Continua a leggere

Banco di prova

Blackboard, Boys, Chalkboard, Children

  • I mercati azionari attualmente perdono poco meno del 20% rispetto ai massimi di febbraio. L’obbligazionario governativo e l’oro sono in guadagno. La strategia di un investimento bilanciato ha funzionato ancora una volta
  • Semplicità e diversificazione nella costruzione di un portafoglio di investimento pagano sempre, ma alcune componenti possono richiedere più tempo di altre per generare valore

Il 19 febbraio le borse mondiali hanno toccato il loro massimo storico. Da quel momento il mercato ha cominciato a scendere toccando un minimo il 23 marzo circa un 34% sotto il valore di febbraio. Poi il rimbalzo, tuttora in corso, in un clima di volatilità sempre molto forte. Se prendiamo l’indice Vix notiamo come lo stesso si posizionava a 15 a metà febbraio prima di toccare 80 a marzo e ridimensionarsi comunque sopra i 40 punti. Il mercato ci sta dicendo che si aspetta ancora volatilità nelle prossime settimane.

Ma hanno funzionato i cosiddetti cuscinetti ammortizzatori della caduta tipo obbligazioni e oro?

Vediamo di capire se è stato effettivamente così e, seppur con le armi sempre più spuntate, se il più classico dei bilanciati 50/50 ha ancora un senso. Continua a leggere

Diversificazione degli investimenti, perchè è importante giocare su più tavoli

Monopoly, Canadian, Game, Playing, Dice

  • Quando si parla di diversificazione è sempre molto complicato capire quanti strumenti servono per definire un portafoglio di investimento effettivamente diversificato
  • Una ricerca americana sul mondo azionario sembra fornire una risposta convincente a questo quesito
  • Alla fine la scelta di ETF globali, azionari o obbligazionari, appare sempre la scelta vincente nel lungo periodo

Quando si parla di investimenti la parola diversificazione viene associata a minore rischio e maggiori strumenti finanziari in cui investire.

Corretta in linea di massima, questa definizione di diversificazione degli investimenti non ci dice però di quanto si riduce il rischio e quanti devono essere gli strumenti per raggiungere un livello ottimale di diversificazione.

Nell’articolo di lunedì ho dimostrato come in una manciata di minuti è possibile creare un portafoglio in grado di competere nel lungo periodo con quello dei gestori professionisti.

Una qualche risposta a tutto ciò ha provato a darla anche Allan Roth sul blog finanziario Advisor Perspectives. Continua a leggere